Differenze tra le versioni di "Portale:L&I"

Da DEI RICCHI.
Riga 1: Riga 1:
 +
== Presentazione ==
 
E’ vero, non sapevamo come intitolare questa sezione. Il materiale da presentare sono tante, tante immagini raccolte in internet e che fanno riflettere sui rapporti che molte persone hanno con le religioni che si ispirano alla Bibbia. Relazioni non semplici e sulle quali potremmo scrivere pagine e pagine. Ma non è il nostro scopo, perché quando ci mettiamo sulla tastiera preferiamo farlo per comunicare le nostre scoperte sul cristianesimo.
 
E’ vero, non sapevamo come intitolare questa sezione. Il materiale da presentare sono tante, tante immagini raccolte in internet e che fanno riflettere sui rapporti che molte persone hanno con le religioni che si ispirano alla Bibbia. Relazioni non semplici e sulle quali potremmo scrivere pagine e pagine. Ma non è il nostro scopo, perché quando ci mettiamo sulla tastiera preferiamo farlo per comunicare le nostre scoperte sul cristianesimo.
  
Riga 6: Riga 7:
  
 
Quindi che fare? Dare uno spazio a questi pensieri in cui la libertà e l’intelligenza, seppure a piccole dosi, viene espressa. Uno spazio che nei canali d’informazione, quelli dove solo gli esperti possono parlare o scrivere, non avrebbero. Rappresentare che il pensiero comune non è sempre quello degli esperti, ma non per questo è meno interessante, né meno intelligente, né meno creativo. Anzi.
 
Quindi che fare? Dare uno spazio a questi pensieri in cui la libertà e l’intelligenza, seppure a piccole dosi, viene espressa. Uno spazio che nei canali d’informazione, quelli dove solo gli esperti possono parlare o scrivere, non avrebbero. Rappresentare che il pensiero comune non è sempre quello degli esperti, ma non per questo è meno interessante, né meno intelligente, né meno creativo. Anzi.
 +
 +
== Scopo e organizzazione delle immagini ==
 +
Il termine condividere ha un particolare utilizzo in Internet, soprattutto nei social. Viene usato nell’eccezione di “rendere disponibile nel proprio profilo quello che si trova altrove”. Ovvero non indica che necessariamente quanto condiviso rappresenta esattamente il pensiero di chi lo condivide. Lo stesso principio vale per noi in queste pagine: il nostro pensiero non si immedesima con quello che condividiamo, ma riteniamo che il suo contenuto meriti attenzione e perciò cerchiamo di divulgarlo.
 +
 +
Abbiamo evitato di pubblicare le immagini comunemente ritenute volgari. Il fatto che alcune (forse molte, troppe) di quelle visibili siano poco apprezzate da una certa categoria di persone, non è nelle nostre preoccupazioni. Ognuno di noi ha le sue opinioni, ma non per questo dobbiamo imporre il silenzio a quelle che non ci aggradano. Noi non siamo dei nostalgici del medievale [https://it.wikipedia.org/wiki/Confiteor Confiteor]; sì, lo ricordate, quello che recitava: “che ho molto peccato in pensieri, parole, opere e omissioni”. Già il concetto di peccato è tutto da discutere, figuriamoci poi se applicato ai pensieri e alle parole. Ma ci fermiamo qui per non aprire troppe finestre di discussione.
 +
 +
Per renderle maggiormente consultabili abbiamo raggruppato le immagini in varie categorie. E’ un lavoro molto complesso e che non ha mai fine perché continua con l’arrivo di nuove immagini da catalogare. Spesso le immagini ricordano un certo episodio che nel tempo verrebbe dimenticato. Per questo motivo a volte le commenteremo in modo da meglio inquadrarle nel periodo storico da cui sono scaturite.
 +
 +
Ulteriori dettagli li leggete anche [[DEI RICCHI:Copyright#Immagini_utilizzate_per_L.26I|qui]].
 +
 
<div style="max-width:400px; float:left; margin-right:0.5%">
 
<div style="max-width:400px; float:left; margin-right:0.5%">
 
{{Finestra
 
{{Finestra

Versione delle 11:37, 14 mar 2021

Presentazione

E’ vero, non sapevamo come intitolare questa sezione. Il materiale da presentare sono tante, tante immagini raccolte in internet e che fanno riflettere sui rapporti che molte persone hanno con le religioni che si ispirano alla Bibbia. Relazioni non semplici e sulle quali potremmo scrivere pagine e pagine. Ma non è il nostro scopo, perché quando ci mettiamo sulla tastiera preferiamo farlo per comunicare le nostre scoperte sul cristianesimo.

Ma allora che fare di tutte quelle istantanee, che ci hanno incuriosito in tutti questi anni? Non bastava raccoglierle, come si fa con i francobolli o qualsiasi altro oggetto da collezione. Non è nel nostro spirito quello di impadronirci di quanto ci piace e riteniamo meritevole di essere condiviso. Erano immagini condivise da altri e quindi? Semplicemente meritavano di rimanere ancora un po’ in internet, non dimenticate nei post di Facebook o nei messaggi di Whatsapp.

Perché questa attenzione? Ci pare che se non tutte almeno moltissime dimostrino l’intelligenza delle persone che non accettano acriticamente quello che gli viene propinato. E come fanno a dimostrare il loro disappunto o semplicemente la meraviglia di una breve opinione? Poche parole e una foto. Perché, nella società come la nostra dove a livello di mainstream si sta imponendo il pensiero unico, scoprire tutta questa varietà è come meravigliarsi davanti alla biodiversità della natura, che le multinazionali vorrebbero coprire con il brevetto propinando alla gente sempre i soliti prodotti.

Quindi che fare? Dare uno spazio a questi pensieri in cui la libertà e l’intelligenza, seppure a piccole dosi, viene espressa. Uno spazio che nei canali d’informazione, quelli dove solo gli esperti possono parlare o scrivere, non avrebbero. Rappresentare che il pensiero comune non è sempre quello degli esperti, ma non per questo è meno interessante, né meno intelligente, né meno creativo. Anzi.

Scopo e organizzazione delle immagini

Il termine condividere ha un particolare utilizzo in Internet, soprattutto nei social. Viene usato nell’eccezione di “rendere disponibile nel proprio profilo quello che si trova altrove”. Ovvero non indica che necessariamente quanto condiviso rappresenta esattamente il pensiero di chi lo condivide. Lo stesso principio vale per noi in queste pagine: il nostro pensiero non si immedesima con quello che condividiamo, ma riteniamo che il suo contenuto meriti attenzione e perciò cerchiamo di divulgarlo.

Abbiamo evitato di pubblicare le immagini comunemente ritenute volgari. Il fatto che alcune (forse molte, troppe) di quelle visibili siano poco apprezzate da una certa categoria di persone, non è nelle nostre preoccupazioni. Ognuno di noi ha le sue opinioni, ma non per questo dobbiamo imporre il silenzio a quelle che non ci aggradano. Noi non siamo dei nostalgici del medievale Confiteor; sì, lo ricordate, quello che recitava: “che ho molto peccato in pensieri, parole, opere e omissioni”. Già il concetto di peccato è tutto da discutere, figuriamoci poi se applicato ai pensieri e alle parole. Ma ci fermiamo qui per non aprire troppe finestre di discussione.

Per renderle maggiormente consultabili abbiamo raggruppato le immagini in varie categorie. E’ un lavoro molto complesso e che non ha mai fine perché continua con l’arrivo di nuove immagini da catalogare. Spesso le immagini ricordano un certo episodio che nel tempo verrebbe dimenticato. Per questo motivo a volte le commenteremo in modo da meglio inquadrarle nel periodo storico da cui sono scaturite.

Ulteriori dettagli li leggete anche qui.

Ateismo
Storia-dellateismo.jpg

C’era una volta un bel libro intitolato Storia dell’ateismo. Pubblicato prima in Francia e poi, nel 2000, anche in Italia, attualmente sembra non più reperibile...

Avidità
001554-20180805.jpg

Non conosciamo confessioni religiose che vivano nella povertà. Ma questo non è esecrabile quanto lo è predicarla ma vivere nell’abbondanza che spesso travalica il lusso e lo sperpero. Questa è la condizione in cui opera la Chiesa, praticamente da quando è nata...

Catechismo
000152-20180314.jpg

Le contraddizioni dell’insegnamento religioso sono un terreno su cui si imbattono non solo quelli che lo criticano ma pure quelli che lo praticano. Quindi di materiale su cui discutere ce n’è veramente a bizzeffe....

Citazioni
000007-20180221.jpg

Riportiamo negli articoli di questa categoria una serie di citazioni di autori più o meno antichi. Li abbiamo elencati per secoli in cui sono vissuti, aggregando quelli nati prima del XVIII secolo in una categoria a sé stante in quanto meno numerosi...

Credenti
000014-20180222.jpg

In una società è difficile che il comportamento del singolo passi inosservato. Figurarsi poi quello dei credenti che sbandierano ai quattro venti le loro fedi...

Crudeltà
000184-20180316.jpg

Il credente normalmente non legge i “testi sacri” su cui si basa la sua religione. Si limita a partecipare alle funzioni religiose e si ricorda qualcosa degli insegnamenti ricevuti, magari tanti anni prima dell’età che ha attualmente...

Ironia
006988-20200914.jpg

Chi conosce il Vecchio Testamento sa che è un libro tutt’altro che spiritoso. Nonostante il cipiglio che si porta appresso dall’inizio alla fine della narrazione, le contraddizioni che i suoi racconti manifestano fanno scaturire interpretazioni molto divertenti...

Moralità
003829-20191020.jpg

la Chiesa non viene intaccata dai comportamenti dei suoi "pastori". Sia perché le notizie negative che la riguardano hanno un’eco minima nei mass media, sia perché vengono surclassate da abili messinscene atte a ridimensionare il problema...

Politica
000311-20180330.jpg

Di qualsiasi confessione sia la religione dominante, i governanti dipendono da essa nelle decisioni che prendono. Certo, la dipendenza può essere più o meno sfacciata, ma c’è. Magari vi sarà sempre quello che sbandiera la maggiore laicità di una forza politica rispetto ad un’altra, ma a ben guardare le tracce delle dipendenza dei politici dal loro credo religioso sono evidenti e indelebili...

Religioni
000195-20180317.jpg

L’ateismo, a cui abbiamo dedicato una sezione a parte, è solo una parte della critica alle religioni. Infatti essa non si concretizza con la negazione della divinità, ma può anche concentrarsi sul rifiuto dei dogmi religiosi, oppure delle dottrine e dei rituali che costituiscono ossatura o vestito del culto....

Ring
000428-20180405.jpg

Non è vero che esiste un pacato confronto tra quelli che non credono in una divinità e quelli che invece si professano credenti. Spesso non ci si limita ad una semplice battuta ironica ma si scende in attacchi via via più ispirati dall’odio...

Scienza
000029-20180225.jpg

La storia ci racconta di alcuni periodi in cui la scienza venne surclassata dalla credenza religiosa a tal punto che non vi era libertà di parola per chi professava qualcosa in contrasto con il “dettato divino”. L’esempio di Galileo Galilei è forse quello più noto, ma se ne potrebbero aggiungere molti altri...