Differenze tra le versioni di "La fatica nel far conoscere idee alternative e rivoluzionarie"

Da DEI RICCHI.
 
Riga 1: Riga 1:
 
[[Categoria:Approfondimenti]]
 
[[Categoria:Approfondimenti]]
 
[[File:AD copertina.jpg|200px|thumb|right|Copertina di [[Anno Domini]]]]
 
[[File:AD copertina.jpg|200px|thumb|right|Copertina di [[Anno Domini]]]]
Al giorno d’oggi Facebook è, volenti o nolenti, una delle piattaforme principi per la pubblicazione di notizie. La usiamo anche noi per divulgare le nostre scoperte  ma qualche sorpresa ci coglie in questo impegno come quando, il 18 marzo 2021, abbiamo deciso di far conoscere alcuni temi trattati nel nuovo libro “Anno Domini”.
+
Al giorno d’oggi Facebook è, volenti o nolenti, una delle piattaforme principi per la pubblicazione di notizie. La usiamo anche noi per divulgare le nostre scoperte  ma qualche sorpresa ci coglie in questo impegno come quando, il 18 marzo 2021, abbiamo deciso di far conoscere alcuni temi trattati nel nuovo libro [[Anno Domini]].
  
 
Inutile dire che siamo orgogliosi dei suoi contenuti perché lo portano ad essere non solo la nostra migliore opera ma anche un libro che non ha rivali per la quantità e profondità di scoperte che pone sul tavolo di qualsiasi discussione si voglia iniziare. Intendiamo dire che le novità riguardano temi così vasti che può essere ben usato in gruppi di discussione tra i più vari. Sicché ne abbiamo selezionati alcuni proponendo i seguenti post.
 
Inutile dire che siamo orgogliosi dei suoi contenuti perché lo portano ad essere non solo la nostra migliore opera ma anche un libro che non ha rivali per la quantità e profondità di scoperte che pone sul tavolo di qualsiasi discussione si voglia iniziare. Intendiamo dire che le novità riguardano temi così vasti che può essere ben usato in gruppi di discussione tra i più vari. Sicché ne abbiamo selezionati alcuni proponendo i seguenti post.

Versione attuale delle 06:22, 30 mar 2021

Copertina di Anno Domini

Al giorno d’oggi Facebook è, volenti o nolenti, una delle piattaforme principi per la pubblicazione di notizie. La usiamo anche noi per divulgare le nostre scoperte ma qualche sorpresa ci coglie in questo impegno come quando, il 18 marzo 2021, abbiamo deciso di far conoscere alcuni temi trattati nel nuovo libro Anno Domini.

Inutile dire che siamo orgogliosi dei suoi contenuti perché lo portano ad essere non solo la nostra migliore opera ma anche un libro che non ha rivali per la quantità e profondità di scoperte che pone sul tavolo di qualsiasi discussione si voglia iniziare. Intendiamo dire che le novità riguardano temi così vasti che può essere ben usato in gruppi di discussione tra i più vari. Sicché ne abbiamo selezionati alcuni proponendo i seguenti post.

Inserimenti del 18/03/2021

Post 1

Quello che più mancava nelle ricerche su Gesù era una prova della sua esistenza e delle sue azioni che avesse attraversato il tempo per giungere ancora quasi intatta fino a noi. Una testimonianza che fosse coeva a lui e magari non uscita dalle mani dei suoi discepoli. Dopo quasi 20 secoli questa prova è stata trovata e in questo libro ve la presentiamo in tutta la sua bellezza per tutte le informazioni che offre sul protagonista per eccellenza del cristianesimo.

Gruppo: Gesù tra storia e fantasia - Origini del cristianesimo

Post 2

Un saluto agli appassionati degli Etruschi per un annuncio che troverete sicuramente interessante. Nell'ultimo libro ho definitivamente dimostrato come le storie della Bibbia nascondano nient'altro che quelle degli Etruschi e delle loro battaglie per non venire sottomessi dai nemici, in particolar modo i Cesari. Una rivisitazione storica che spiega molti dei misteri su questo antico popolo e che ci porta a farlo coincidere con gli altrettanto famosi Giudei. Rimango a disposizione per le domande che vorrete porre ma soprattutto vi invito a leggere quanto prima quella che è realmente una scoperta strabiliante per tutte le ripercussioni culturali che porta con sé.

Gruppi: Passione etrusca, Civiltà etrusca

Post 3

La storia dell’Egitto è legata a quella degli Ebrei ma anche a quella che vide come protagonista Gesù su cui si fonda il cristianesimo. Ma quanti e quali furono i rapporti sociali in cui furono coinvolti popoli e nazioni come viene narrato anche nella Bibbia? In “Anno Domini” questi legami vengono evidenziati a tal punto da confermare che proprio in Gesù scorreva del sangue degli antichi regnanti egizi. E che la storia stessa di Roma è dipendente da quella dell’Egitto molto di più di quanto si creda.

Gruppo: storia egizia

Post 4

Quello che più mancava nelle ricerche su Gesù era una prova della sua esistenza e delle sue azioni che avesse attraversato il tempo per giungere ancora quasi intatta fino a noi. Una testimonianza che fosse coeva a lui e magari non uscita dalle mani dei suoi discepoli. Dopo quasi 20 secoli questa prova è stata trovata e in “Anno Domini” ve la presento in tutta la sua bellezza per tutte le informazioni che offre sul protagonista per eccellenza del cristianesimo. Un altro annuncio che troverete sicuramente interessante è che in questo libro ho definitivamente dimostrato come le storie della Bibbia nascondono nient'altro che quelle degli Etruschi e delle loro battaglie per non venire sottomessi dai nemici, in particolar modo i Cesari. Una rivisitazione storica che spiega molti dei misteri su questo antico popolo e che ci porta a farlo coincidere con gli altrettanto famosi Giudei. Rimango a disposizione per le domande che vorrete porre ma soprattutto vi invito a leggere quanto prima quella che è realmente una scoperta strabiliante per tutte le ripercussioni culturali che porta con sé.

Gruppi:

Le reazioni

Cosa è accaduta che ci ha sorpreso? Lo spieghiamo subito. Dopo qualche ora sono spariti i post all’interno dei seguenti gruppi: Passione etrusca, Civiltà etrusca, storia egizia. Neanche il tempo per rispondere alle domande che ci venivano poste.

Abbiamo chiesto spiegazioni e ci ha risposto solo un amministratore di storia egizia: “Il post non rispettava il nostro regolamento del gruppo”. Nel regolamento infatti si legge: “Non accettiamo post contenenti titoli di libri, consigli di letture, promozioni di eventi, pubblicità varie”. Patti chiari, la motivazione non si discute.

Ci ha sorpreso invece il silenzio di Passione etrusca e Civiltà etrusca. Non solo per una questione di gentilezza nell’interloquire, ma soprattutto perché la cancellazione del post senza dichiarata motivazione dimostra una chiara forma di censura delle idee non condivise.

Un caso a parte è il gruppo I LAIC UAAR che addirittura non ha voluto pubblicare alcunché in quanto ritenuto “Off topic”. Motivazione di un amministratore: “Cerco di limitare gli argomenti di discussione alla laicità.” Peccato, se questo è un modo di darsi da fare per la laicità... Ovvero, come pensi di rafforzare la laicità se neanche immagini da quale passato nascono i soprusi che i laici hanno subito?

Inserimenti del 26/03/2021

In questa data abbiamo inserito in Passione Etrusca un altro post, anch'esso cancellato dagli amministratori qualche ora dopo come si vede nello screenshot

Lo screenshot con il ban da parte degli amministratori

Nel frattempo il post aveva raccolta qualche like ma anche dei commenti da parte di un utente. Ecco quelli che siamo riusciti a registrare prima che venisse cancellato il post (abbiamo omesso il nome vero dell'utente):

Utente: I reperti archeologici non si interpretano sulla base delle fonti letterarie,sono fonti primarie essi stessi.E i reperti etruschi sono fonti da parte etrusca che ci raccontano (parte de) la loro storia.Poi trovare la storia etrusca nella Bibbia è, per usare un eufemismo,quanto meno azzardato.

Mac Dèi Ricchi: Se non ti piace il termine “interpretare”, allora affermo che i reperti archeologici non si “capiscono “ senza le fonti letterarie. Tra gli oggetti archeologici e letterari vi è una stretta complementarietà. Per farti più esempi dovresti leggere “Anno Domini” dove, nel primo capitolo, dimostro come quattro monumenti di Roma (Arco di Tito, Colosseo, Colosso di Nerone e Meta Sudans) hanno un storia molto interessante (e diversa da quella nota) che si desume incrociando più fonti letterarie. Tra le quali anche la Bibbia. Per questo l’”azzardato” che usi alla fine del tuo commento non si addice agli studi che propongo https://www.deiricchi.it/dr/Anno_Domini

Utente: Mac Dèi Ricchi è il lavoro degli archeologi (quindi anche il mio) capire i reperti.Vai a cercare sulle fonti letterarie il bucchero di VI secolo,vediamo che trovi.E se gentilmente mi dici il verdetto della Bibbia dove viene menzionato il Colosseo,te ne sarei grato.Prima però di affaticarti inutilmente,ti avverto che la Bibbia è stata composta nei secoli avanti Crìsto,il Colosseo è stato costruito... (Altro)

Mac Dèi Ricchi: e a te fa onore prendertela per così poco e affermare che la bibbia è stata scritta secoli prima di Cristo? Calma. Se non ti interessano cose che vanno aldilà di quello che non sai, amen

Utente: Mac Dèi Ricchi e quando sarebbe stata scritta?L'altro ieri?Sei tu quello che non sa, non io

Ogni ulteriore nota su questi commenti ci pare superflua.

Da notare invece la sostanza delle motivazioni nella rimozione: attività commerciale. Immaginiamo che, nella mente di questi admin, promuovere delle idee rivoluzionarie accompagnate dalla fonte in cui sono dimostrate sia il massimo esempio di un'attività commerciale. Abbiamo tentato allora di avviare un dialogo inviando la seguente domanda agli admin:

Buongiorno. Per la seconda volta in pochi giorni mi è stato cancellato un post che stava raccogliendo like e commenti. Mentre nel primo non avete inserito una motivazione, nel secondo mi si accusa di svolgere "attività commerciale". Secondo voi promuovere delle ricerche storiche citando la fonte dove sono discusse, è fare attività commerciale? Se sì, con puro spirito di collaborazione, mi potete per favore spiegare come devo scrivere un post per presentare le mie ricerche sugli Etruschi senza tema che venga cancellato? Grazie

Risposte: nessuna.

Evidentemente la questione dell'identità fra Giudei ed Etruschi deve risultare molto indigesta.

Conclusioni

Chi può faccia del suo meglio per controbilanciare queste posizioni che non agevolano la libera circolazione delle idee.