DEI RICCHI

2009 - Marzo - Settimana 4

« Precedente

» Notizie » 2009 » Marzo | Commenti: Scrivi

Successiva »

Indice dei giorni


22/03/2009 * 23/03/2009 * 24/03/2009 * 25/03/2009 * 26/03/2009 * 27/03/2009 * 28/03/2009 *

Domenica 22 Marzo 2009

Oggi si celebra la Giornata mondiale dell'acqua

Rainews24, http://www.rainews24.it, 22/03/2009

Oggi si celebra la Giornata mondiale dell'acqua. Secondo l'ultimo rapporto delle Nazioni Unite, dal 2030 potrebbe patire la sete meta' della popolazione mondiale. Oggi si chiude anche il Forum mondiale sull'acqua di Istanbul: fra gli obiettivi c'e' l'individuazione di una soglia minima da garantire.

L'acqua potabile è un miraggio per oltre 125 milioni di bambini sotto i 5 anni d'età. E un numero ancora maggiore di persone, non solo bimbi, si trova senza servizi igienici, per un totale di 2,5 miliardi di persone nel mondo che rischiano così la loro salute. I numeri, da brivido, sono resi noti, alla vigilia della Giornata mondiale dell'acqua 2009, dall'Unicef, che lancia un appello per un'azione collettiva per affrontare il problema dell'accesso all'acqua potabile e per la condivisione delle risorse idriche.

La pressione demografica rischia di essere la causa della probabile e

imminente crisi delle risorse idriche che colpira' il nostro pianeta, denunciano le Nazioni Unite nella terza edizione del Rapporto mondiale sullo sviluppo delle risorse idriche dal titolo 'L'acqua nel mondo che cambia'. Secondo i dati dell'Onu, piu' di un miliardo e 200 milioni di persone non hanno accesso sufficiente alle fonti di acqua pulita e quasi altri due miliardi di esseri umani vivono senza servizi igienici.

E la situazione e' solo destinata a peggiorare se non si prenderanno provvedimenti rapidi, se e' vero che, come stima l'Ocse, entro il 2030 saranno 3,9 miliardi le persone che vivranno in grave carenza di acqua e per la meta' del secolo, quando si passera' dagli attuali sei miliardi e mezzo di abitanti a nove, questo problema riguardera' quasi la meta' della popolazione mondiale, per lo piu' in Cina e nel sud dell'Asia. E mentre il tempo corre e il riscaldamento globale altera le sorgenti mondiali, c'e' sempre piu' bisogno di agire in fretta, altrimenti il rischio e' di veder sparire il futuro in un piccolo rivolo

d'acqua tra le sabbie di un arido deserto.

Turchia,nessun accordo a Forum su acqua

Ultim'ora Televideo, http://www.televideo.rai.it, 22/03/2009

15.45 Il Forum mondiale sull'acqua conclusosi in Turchia ha deluso le apettative dei numerosi Paesi che si aspettavano venisse sancito "il diritto all'accesso all'acqua". La formula adottata parla invece della "necessità di migliorare l'accesso all'acqua". Il testo conclusivo del Forum indica la necessità di fare economia, in particolare nel settore agricolo, e di contrastare l'inquinamento.Si afferma poi che l'accesso all'acqua potabile e alla bonifica è una "necessità umana fondamentale", ma non un "diritto".

Casa, rischio sfratto per 150mila famiglie

ANSA.it, http://www.ansa.it, 22/03/2009

ROMA - Dopo l'allarme lavoro, il rischio sfratto. Mentre il Governo prepara il 'Piano casa' come stimolo per la crescita, per Cgil e Sunia ben 150 mila famiglie potrebbero presto restare senza abitazione. E quanto rileva lo studio dal titolo 'La crisi economica acuisce il fenomeno degli sfratti per morosita' da cui emerge che è sempre più forte la difficoltà delle famiglie in affitto sostenere gli attuali livelli di mercato.

Data l'insostenibilità dei canoni, delle spese per l' abitazione e dell'aggravarsi della situazione economica e occupazionale - spiegano Cgil e Sunia - senza misure di sostegno al reddito delle famiglie in affitto, nel triennio 2009/2011 si prevede che altre 150.000 famiglie perderanno la propria abitazione subendo uno sfratto per morosità incapaci di far fronte al pagamento dell'affitto.

"Il mercato dell'affitto privato, infatti - si legge ancora - è caratterizzato da quella famiglia tipo che oggi più che mai subisce gli effetti della crisi economica: il 20,5% dei nuclei sono unipersonali, il 67% delle famiglie in affitto percepisce un solo reddito e in queste il 39,6% è rappresentato da operai e il 29,2% da pensionati, più di un quinto dei capofamiglia ha oltre 65 anni e un quarto è costituito da donne".

Uno 'spaccato sociale che, alla luce della gravissima crisi economica, potrebbe avere conseguenze nefaste per uno dei beni essenziali: la casa. ''Per le famiglie dove spesso l'unica entrate è un reddito da lavoro dipendente o una pensione - si legge - l'affitto incide con percentuali insostenibili: tra il 40 e il 50% a Genova e Torino, tra il 50 e il 70% a Bologna e Firenze, oltre il 70% a Milano e Roma. In generale, le spese totali per l'abitazione gravano sul reddito mediamente tra il 50 e il 70%, con i casi eclatanti di Milano e Roma, dove l'incidenza oscilla tra l'82 e il 92%. A fronte di un reddito medio da lavoro dipendente sostanzialmente invariato, gli affitti sono aumentati del 16% nel corso del 2008".

Dall'indagine condotta da Sunia e Cgil su un campione di 1.000 famiglie sottoposte a sfratto per morosità emerge come "l'acuirsi della crisi economica stia colpendo le famiglie di lavoratori dipendenti e pensionati anche sul fronte abitativo. Sul campione preso in esame, il 24% delle famiglie sfrattate per morosità ha subito la perdita del posto di lavoro del primo percettore del reddito, il 22% è precario mentre per un altro 21% il percettore è in cassa integrazione". Solo negli ultimi 5 anni, ricorda ancora lo studio, circa 120.000 famiglie hanno perso la loro abitazione, come emerge dai dati del Ministero dell'Interno del dicembre 2008. Nella quasi totalità, per circa 100.000 casi, il provvedimento di sfratto è stato eseguito per morosità a causa dell'incidenza altissima dell'affitto sul reddito percepito".

Guardando le aree metropolitane a più alta tensione abitativa, nel complesso sono stati emessi quasi 100.000 sfratti per morosità e circa 90.000 famiglie hanno subito un esecuzione del provvedimento: a Milano e Roma circa 20.000 famiglie, a Napoli quasi 15.000, a Torino più di 10.000. Mentre a Genova, Firenze, Palermo e Roma circa il 10% delle famiglie in affitto, escludendo le abitazioni di proprietà pubblica, hanno subito uno sfratto per morosità. Per il segretario generale del Sunia, Luigi Pallotta, "di fronte a questo scenario il Governo si propone di varare un 'Piano Casa' che non affronta i problemi di queste famiglie e che, anziché concentrarsi sul rilancio del mercato dell'affitto a prezzi sostenibili, si indirizza ancora una volta verso la casa in proprietà che in Italia ha raggiunto livelli difficilmente superabili".

Rispetto a queste che sono le vere esigenze del Paese il Governo propone un Piano per chi ha già casa, osserva la segretaria confederale della Cgil, Paola Agnello Modica. "In attesa di conoscere la integrale proposta del Governo di un piano che viene spacciato per 'Piano Casa' ma che è in realtà un 'Piano per l'edilizia - prosegue la sindacalista - già è chiaro che dall'agenda politica sparisce il tema dell'edilizia sociale e dell'affitto".

Papa: Africa alzati e liberati dai mali

ANSA.it, http://www.ansa.it, 22/03/2009

LUANDA (ANGOLA) - Un milione di persone sono accorse questa mattina nella spianata di Cimangola, in uno scenario imponente a ridosso del cementificio di Luanda e di fronte l'Oceano atlantico, per ascoltare l'appello di Benedetto XVI: Africa, alzati e mettiti in cammino per un domani migliore senza più guerre, ha esortato il Pontefice durante la messa. La terza e ultima giornata in Angola per Ratzinger è cominciata con il "dolore e lo sconcerto" per la notizia della morte, ieri, di due giovani, durante la ressa creatasi agli ingressi dello stadio di Luanda. Poi il Papa ha raggiunto lo spiazzo di Cimangola e dal palco, di fronte a una folla sterminata, ha consegnato il suo messaggio tornando a chiedere la fine dei conflitti e un grande sforzo per la pace e la riconciliazione. "Tragicamente, le nuvole del male hanno ottenebrato anche l'Africa, compresa questa amata nazione di Angola. Pensiamo - ha detto Ratzinger - al flagello della guerra, ai frutti feroci del tribalismo e delle rivalità etniche, alla cupidigia che corrompe il cuore dell'uomo, riduce in schiavitù gli uomini e priva le generazioni future delle risorse di cui hanno bisogno per creare una società più solidale e più giusta". Il pontefice chiede poi di resistere alle insidie morali del presente. "Che dire - ha osservato - di quell'insidioso spirito di egoismo che chiude gli individui in sé stessi, divide le famiglie e conduce inevitabilmente all'edonismo, all'evasione in false utopie attraverso l'uso della droga, all'irresponsabilità sessuale, all'indebolimento del legame matrimoniale, alla distruzione delle famiglie e all'eliminazione di vite umane innocenti mediante l'aborto?". Infine, Benedetto XVI infonde fiducia. "Cari fratelli e sorelle - ha scandito, concludendo la sua omelia - alzatevi! Ponde-vos a caminho! (Ponetevi in cammino). Guardate al futuro con speranza, confidate nelle promesse di Dio e vivete nella sua verità". Il Papa, con il suo viaggio, vuole inoltre portare l'attenzione del mondo su un continente spesso dimenticato dai potenti della Terra e così, prima di pronunciare l'Angelus, rivolge un ultimo appello. Gli uomini e le donne del mondo "volgano i loro occhi all'Africa, a questo grande continente così colmo di speranza, ma ancora così assetato di giustizia, di pace, di un sano e integrale sviluppo che possa assicurare al suo popolo un futuro di progresso e di pace". Infine l' auspicio per la fine del conflitto nella vicina regione dei Grandi Laghi, mentre la tv angolana ha parlato di una presenza alla messa che avrebbe raggiunto il picco di 2 milioni di persone.

Obama, limiti a stipendi e bonus dei manager delle banche

Rainews24, http://www.rainews24.it, 22/03/2009

Il presidente degli Stati Uniti Obama vuole porre un tetto a stipendi e bonus dei supermanager di banche ed altre grandi societa', scrive il New York Times sul sito internet.

I dettagli del piano verranno resi noti la prossima settimana, pochi giorni prima del Vertice del G20 il 2 aprile a Londra.

Il quotidiano non entra nei dettagli anche perche' l'Amministrazione li sta ancora mettendo a punto. Non e' chiaro se i limiti riguarderanno solo le banche o soltanto le aziende, come il colosso delle assicurazioni Aig pietra dello scandalo in questi giorni per i super bonus versati, che hanno ricevuto e riceveranno denaro pubblico per evitare il fallimento.

Una delle condizioni poste dalla squadra del presidente potrebbe essere di legare l'ammontare di bonus e stipendi ai risultati ottenuti. Si attribuisce inoltre al governo l'intenzione di ampliare il ruolo della Federal Reserve, in particolare per il controllo degli hedge funds (i fondi a rischio dei paradisi fiscali), mentre i prodotti derivati (come i pericolosi Credit Default Swap, una sorta di assicurazione su prodotti a rischio) diventerebbero piu' trasparenti per evitare drammi alla Aig. Questi ultimi due punti sembrano rappresentare una prima risposta americana alle preoccupazioni europee, che nell'ambito del G20 chiedono regole piu' stringenti per la finanza internazionale, sempre piu' globalizzata

Chavez: crisi si risolve col socialismo

Ultim'ora Televideo, http://www.televideo.rai.it, 22/03/2009

5.30 Per risolvere la crisi economico-finanziaria mondiale, anche il presidente venezuelano Hugo Chavez ha una soluzione. E la propone al suo omologo statunitense Barack Obama. "Cittadino Obama - ha esortato Chavez devi lasciare che si sviluppi la rivoluzione sociale negli Stati Uniti. Se vuoi un consiglio - ha continuato - ti direi di scegliere il socialismo". Chavez non è sceso in particolari operativi di natura tecnica.

Usa-Messico: Obama lancia offensiva contro cartelli droga

ANSA.it, http://www.ansa.it, 22/03/2009

WASHINGTON - La Casa Bianca ha messo a punto una vasta offensiva per rispondere con un esercito di agenti federali, intelligence ed investimenti all'incremento di violenza nell'area lungo il confine con il Messico, provocata dalle guerre tra i cartelli del narcotraffico. Lo rivela il Washington Post, secondo il quale il presidente Barack Obama farà un annuncio nei prossimi giorni sul piano, che mirerà tra l'altro a bloccare traffici di armi e di denaro diretti ai trafficanti messicani.

L'offensiva dell'amministrazione Obama sarà il primo programma di vasta portata della nuova Casa Bianca sul fronte della sicurezza interna e della lotta alla criminalità. Nelle ultime settimane, Washington ha avuto intensi scambi di informazioni con il Messico per cercare di delineare una strategia comune per combattere la violenza lungo il confine.

L'iniziativa antidroga sarà accompagnata da visite di alti esponenti dell'amministrazione Obama a Città del Messico, per discutere ulteriori interventi: mercoledì sarà la volta del segretario di Stato Hilary Clinton, seguita nei giorni successivi dal ministro della Giustizia Eric Holder e dal ministro della Sicurezza interna Janet Napolitano.

Berlusconi ringrazia An, Pdl storico traguardo

ANSA.it, http://www.ansa.it, 22/03/2009

di Federico Garimberti

ROMA - Soddisfatto e rasserenato. Silvio Berlusconi tira un sospiro di sollievo dopo aver ascoltato il discorso con cui Gianfranco Fini ha sciolto Alleanza Nazionale in vista dell'ingresso nel Popolo della Liberta'. Le parole del presidente della Camera, seguite in diretta televisiva dal salotto di Arcore, non turbano il Cavaliere che, poi, fa trapelare tramite Fabrizio Cicchitto un giudizio positivo.

Un discorso che il premier legge come il segno che le polemiche delle scorse settimane, nate dai distinguo del presidente della Camera, almeno per ora finiscono nel congelatore. L'impressione, condivisa con i dirigenti azzurri, e' che il leader di An non voglia scontri oggi, che la questione della leadership appassioni piu' i giornali che i protagonisti e che la nascita del Pdl, che sara' sancita nel congresso del prossimo fine settimana, non riservera' sorprese.

Chi ha avuto modo di parlargli, descrive un Berlusconi ''favorevolmente impressionato'' dal tono e dai contenuti della relazione del leader di An. D'altra parte, Fini riconosce i meriti dell'alleato nei 15 anni di alleanza: ''Altro che meteora o partito di plastica - osserva infatti - ha rimesso in moto una politica che rischiava di impantanarsi''. Certo, Berlusconi sa bene che quell'intervento non rappresenta in alcun modo una rinuncia al confronto.

Come dimostra il passaggio sulla leadership: ''Il Pdl ha un leader che e' Berlusconi'', riconosce Fini, che tuttavia sottolinea come lo stesso Berlusconi ''sappia perfettamente che una leadership forte non puo' in alcun caso essere il culto della personalita'''. Ma non sono parole di sfida. Semmai, di un confronto che lo stesso Fini sposta nel tempo, guardando a come sara' l'Italia fra dieci-quindici anni. E soprattutto sui contenuti. ''L'identita' - dice il presidente della Camera - non significa mettere bandiere nel Pdl, ma semmai trovare risposte ai problemi del Paese''.

Ed e' qui che le ricette divergono. Ma, per ora, il Cavaliere vede il bicchiare mezzo pieno. E che avesse questo obiettivo si vede anche dal messaggio di Berlusconi, letto alla platea dei delegati aennini dal coordinatore azzurro Denis Verdini. Poche parole in cui il presidente del Consiglio sta attento a non rubare la scena all'alleato, limitandosi a ringraziare Fini e il suo partito per la scelta difficile che stanno compiendo. ''Il mio non e' un saluto formale - scrive il presidente del Consiglio - ma un atto di gratitudine e riconoscenza a un partito che dopo un lungo cammino ci consente di raggiungere tutti insieme un grande e storico traguardo''. E, dopo aver ricordato come la destra sia stata accompagnato nella sua storia da ''intollerabili pregiudizi'', il premier sottolinea ''l'importanza'' del ruolo di An del cammino verso il Pdl.

Ballando con le stelle, vince Emanuele Filiberto

ANSA.it, http://www.ansa.it, 22/03/2009

Emanuele Filiberto di Savoia con Natalia Titova ha vinto la finale di Ballando con le stelle ieri sera su Raiuno. Il programma condotto da Milly Carlucci, che ha laureato il principe tra i ballerini vip, ha chiuso l'edizione 2009 in bellezza: 6.645.000 spettatori, con il 33,57% di share e record tra le puntate. La trasmissione che è andata avanti fino dopo l'una di notte ha avuto sul finale, con la vittoria di Emanuele Filiberto picchi del 60% di share. La Corrida su Canale 5 ha avuto 4.717.000 con il 21,25%. Prime time alla Rai con il 43,96% (Mediaset 35,92%) e Raiuno rete leader al 25,49%.

Lunedì 23 Marzo 2009

La Cei: 'Il Papa irriso da politici e media. La vicenda di Eluana manipolata'

Rainews24, http://www.rainews24.it, 23/03/2009

Il profluvio di critiche contro il Papa "si è prolungato oltre ogni buon senso" e "non accetteremo che il Papa, sui media o altrove, venga irriso o offeso". Lo ha affermato il presidente della Conferenza episcopale italiana, Angelo Bagnasco, nel suo discorso di apertura del Consiglio permanente della Cei, invitando i vescovi a stringersi attorno al pontefice.

La polemica seguita alle affermazioni di Benedetto XVI sull'efficacia dei preservativi contro l'Aids "non aveva ragione d'essere".

Non a caso - ha osservato Bagnasco, ricordando i giudizi positivi dati alle tesi del Papa da professionisti, politici e volontari che operano nel campo" - sui media africani “non si e' riscontrato alcun autonomo interesse, se non fosse stato per l'insistenza pregiudiziale delle agenzie internazionali, e per le dichiarazioni di alcuni esponenti politici europei o di organismi sovranazionali, cioe' di quella classe che per ruolo e responsabilità non dovrebbe essere superficiale nelle analisi ne' precipitosa nei giudizi". Forse un tentativo di distogliere l'attenzione dall'Africa, insinua il cardinale, specie "in una fase di acutissima crisi economica".

Il "pellegrinaggio in Africa" è stato un "viaggio impegnativo ed a un tempo ricco di speranza", "sovrastato nell'attenzione degli occidentali da una polemica, sui preservativi, che francamente non aveva ragion d'essere".

E in questa occasione "non ci si e' limitati ad un libero dissenso ma si e' arrivati

ad un ostracismo che esula dagli stessi canoni laici". Il presidente dei vescovi italiani parla di "irrisione" e "volgarita"' giunta non solo dai media, ma anche da "alcuni esponenti politici europei" e "organismi sovranazionali".

E mentre invitiamo i diversi interlocutori a non abbandonare mai il linguaggio di quel rispetto che e' indice di civilta', vorremmo dire, sommessamente ma con energia - ha concluso - che non accetteremo che il Papa, sui media o altrove, venga irriso o offeso.

Dopo il caso di Eluana Englaro "spetta alla politica agire nell'approntare e varare, senza lungaggini o strumentali tentennamenti, un inequivoco dispositivo di legge che preservi da altre analoghe avventure".

Eluana, vicenda manipolata

Nel drammatico epilogo di Eluana Englaro, per il card. Bagnasco rappresenta "una componente grottesca il fatto che si sia tentato di far passare la tribolata vicenda, con profili in realta' civilmente tanto rilevanti e potenzialmente tanto intrusivi rispetto al vissuto di ciascuno, come mera conseguenza di un altola' della Chiesa, ossia come un'iniziativa di polemica ideologica, quando di ideologia qui non c'era nulla, ma solo concretezza palpitante di vita e pertinenza all'umano dell'uomo".

E questo "benche' Eluana non fosse attaccata ad alcuna macchina, dato che l'opinione pubblica ha scoperto solo con grande fatica, e benche' sia da tempo invalso nei vari ambiti della nostra vita sociale quel saggio 'principio di precauzione per il quale nulla di irripristinabile va compiuto se i dati scientifici non consentono una valutazione obiettiva del rischio". "Allorche' un cuore batte in autonomia, il corpo e' caldo, i polmoni respirano, gli occhi si aprono alla luce del giorno e poi si chiudono, come si puo' parlare di morte?", si e' chiesto il presidente della Cei nella sua prolusione al Consiglio Episcopale Permanente, che non comprende poi con tutto questo "cosa c'entrano i guelfi e i ghibellini?".

Qui - rileva - c'entra anzitutto il vero, c'entra il reale-concreto, non perche' sia alienante il riferimento al progetto di Dio sulle proprie creature, anzi, ma perche' nessuno puo' darsi impunemente degli alibi allorche' si tratta di constatare che si va verso l'alterazione del principio di eguaglianza tra tutti i cittadini. Per questo motivo ci ha causato una grande tristezza la storia dolorosa eppure umanissima di Eluana, con l'obnubilamento in cui si e' caduti circa i limiti che sono intrinseci all'esistenza terrena, quasi che essa potesse esistere solo nei termini in cui la desideriamo noi, priva di imperfezioni e asperita', di imprevisti o evenienze, che comunque fanno parte del suo impasto.

Cei: stop a irrisioni e a offese al Papa

ANSA.it, http://www.ansa.it, 23/03/2009

di Domitilla Conte

ROMA - I vescovi italiani si stringono intorno al Papa, da mesi bersaglio di critiche sempre più aspre anche da parte di media ed esponenti politici e di governo, attribuendone il vero motivo al "secolarismo" dilagante e lanciando un avvertimento: "Non accetteremo che il Papa, sui media o altrove, venga irriso o offeso". Sono queste le parole, durissime, emerse con maggior forza dal discorso fatto oggi dal presidente della Cei, card. Angelo Bagnasco, in apertura di un Consiglio permanente che nelle attese avrebbe dovuto concentrarsi sui problemi delle famiglie colpite dalla crisi. Di questo, e degli interventi di sostegno che la Chiesa sta mettendo a punto, si parlerà nei prossimi giorni, mentre di fronte alle critiche al Pontefice, "prolungate oltre ogni buon senso", dall'Italia ma soprattutto all'estero, la cosa più urgente - ha affermato il porporato - é la difesa "del nostro amatissimo Papa".

Prima le polemiche sui lefebvriani, poi quelle sui preservativi, e su quest'ultima questione, scoppiata a viaggio in Africa appena iniziato, hanno avuto da ridire non solo gruppi estremisti come quelli che manifestavano ieri a Parigi davanti a Notre Dame, ma anche politici ed esponenti di governo europei. Così la Cei, che all'ultimo Consiglio permanente, svolto a pochi giorni dallo scoppio del caso lefebvriani-Williamson aveva già levato con decisione gli scudi sul Papa, si erge oggi con forza ancor maggiore per rispedire al mittente la polemica che ha rischiato di oscurare il senso del viaggio africano di Ratzinger. "Una polemica che non aveva ragion d'essere" - ha detto Bagnasco - "se non fosse stato per l'insistenza pregiudiziale delle agenzie internazionali, e per le dichiarazioni di alcuni esponenti politici europei o di organismi sovranazionali, cioé di quella classe che per ruolo e responsabilità non dovrebbe essere superficiale nelle analisi né precipitosa nei giudizi". Una bacchettata rivolta soprattutto a Francia, Germania e Commissione europea, accusate di essere andate oltre "un libero dissenso", giungendo fino ad un "ostracismo che esula dagli stessi canoni laici".

Irrisione, volgarita" lanciate contro il Pontefice mentre autorevoli fonti attive sul campo nella lotta contro l'Aids confermavano la sua visione sul contrasto all'epidemia. Una tragedia sulla quale - ha osservato la Cei - dovrebbero piuttosto essere i governi "a mantenere i propri impegni, al di là della demagogia e di logiche di controllo neo-colonialista". Il card.Bagnasco torna poi anche sulla vicenda dei lefebvriani e, pur affermando di non voler tornare "sulle accusa maldestre rivolte con troppa noncuranza al Santo Padre" elogia la lettera del pontefice ai vescovi del mondo sottolineando come questa abbia fatto emergere "certe discutibili e ricorrenti prassi ecclesiali" e, per contro, da parte del Pontefice "il candore di chi non ha nulla da nascondere circa le proprie reali intenzioni" e "la coerenza di una vita vissuta unicamente al servizio più trasparente alla Chiesa di Cristo". Alla radice delle contestazioni contro il Papa, il presidente della Cei vede, tuttavia, non tanto responsabilità individuali quanto "la cifra più marcata del nostro tempo qual é il secolarismo" rispetto al quale siamo, a suo giudizio, ad uno "spartiacque": non lo scontro di civiltà, o di religioni, paventato in passato ma una insanabile dicotomia tra due modi di intendere la ragione e con essa l'uomo e la società.

Fini:contro crisi democrazia che decide

Ultim'ora Televideo, http://www.televideo.rai.it, 23/03/2009

21.08 Davanti alla crisi del liberal-capitalismo "credo che oggi il problema di tutto l'Occidente sia avere democrazie capaci di decidere e che siano in grado di garantire che la produzione di ricchezza sia distribuita in modo giusto". Così il presidente della Camera Fini intervistato dal Tg1. Pensare quindi"a forme anche istituzionali diverse rispetto a quelle fin qui conosciute non credo sia un azzardo", aggiunge, sottolineando:"E' un quesito di fronte al quale spero che la politica tutta rifletta e dia una risposta".

PdL,Casini: da Fini scelta opportunista

Ultim'ora Televideo, http://www.televideo.rai.it, 23/03/2009

21.53 "Fini sta facendo bene come presidente della Camera, ma credo che per il PdL abbia fatto una scelta opportunista,visto il giudizio negativo che aveva dato dopo il discorso di Berlusconi dal'predellino'. Credo che stia facendo di nenessità virtù".Così Casini,leader dell' Udc, a 'Porta a porta', commenta la scelta di An di confluire nel PdL. Quanto alla collocazione in ambito Ue, Casini nota che "il popolarismo europeo è una cosa diversa" dal PdL. Sul piano casa del governo "non deve esserci un atteggiamento pregiudiziale", rileva.

Intercettazioni,Genchi sospeso polizia

Ultim'ora Televideo, http://www.televideo.rai.it, 23/03/2009

22.11 Gioacchino Genchi, l'ex consulente informatico dell'ex pm De Magistris, è stato sospeso dalla Polizia di Stato. Era in aspettativa dal 2000. Genchi è indagato per abuso di ufficio per violazione della privacy. Dopo aver appreso del provvedimento di sospensione, ha dichiarato di confermare "l'assoluta stima e subordinazione al capo della Polizia,prefetto Manganelli" ed ha aggiunto "mi difenderò nelle sedi istituzionali senza mai perdere la fiducia nella giustizia e nelle istituzioni".

Marcegaglia: Il piano casa positivo

Rainews24, http://www.rainews24.it, 23/03/2009

La presidente di Confindustria, Emma Marcegaglia, da' un giudizio positivo sul piano casa approvato dal governo Berlusconi.

Bene - ha commentato oggi a margine degli stati generali di Confindustria Lombardia - potrebbe dare una spinta a investimenti nell'edilizia. Bisogna evitare abusi e rispettare l'ambiente, ma in un momento come questo puo' spingere gli investimenti privati nel rispetto delle regole.

Obama:'exit strategy' per Afghanistan

Ultim'ora Televideo, http://www.televideo.rai.it, 23/03/2009

9.52 Gli Stati Uniti devono avere una exit strategy in Afghanistan anche se stanno espandendo il proprio ruolo militare, diplomatico ed economico per combattere i talebani. Lo ha detto il presidente americano Barack Obama in un'intervista concessa alla Cbs nel pomeriggio di ieri. Il Presidente ha affermato che la decisione di inviare altri 17mila soldati in Afghanistan è stata la più difficile dal suo insediamento ma l'offensiva ha lo scopo di evitare che Al Qaeda possa attaccare gli Usa o i suoi alleati.

Marcegaglia: Italia non è come Lettonia

Ultim'ora Televideo, http://www.televideo.rai.it, 23/03/2009

11.06 L'Italia non è un Paese a rischio come la Grecia, la Lettonia e l'Ungheria. Lo afferma Emma Marcegaglia, presidente di Confindustria, rispondendo all'allarme lanciato dal commissario Ue per gli Affari monetari Almunia. "E' vero che l'Italia ha un debito pubblico alto - ha detto Marcegaglia - ma dall'altra parte ha un tasso di risparmio delle famiglie che in Europa non ha eguali e ha un sistema industriale che nonostante la crisi sta tenendo abbastanza".

Redditi:parlamento;nel 2007 Berlusconi dichiara 14,5 milioni

ANSA.it, http://www.ansa.it, 23/03/2009

ROMA - Nel 2007 il reddito del premier Silvio Berlusconi è quasi 10 volte di meno di quello del 2006. E' quanto risulta dalla sua dichiarazione dei redditi per il 2007 che vede il suo patrimonio imponibile a quota 14.532.538 euro, mentre nell'anno precedente aveva dichiarato un reddito imponibile di 139.245.570 euro. Nel 2005, invece, il reddito imponibile del Cavaliere era stato di poco oltre 28 milioni di euro.

Il presidente del Senato, Renato Schifani, batte invece decisamente il presidente della Camera, Gianfranco Fini, per quanto riguarda la dichiarazione dei redditi relativa al 2007. Il primo inquilino di Palazzo Madama dichiara infatti un imponibile di 159.809 euro contro i 105.633 del presidente di Montecitorio. E' quanto risulta dai bollettini con le dichiarazioni dei redditi di deputati e senatori resi pubblici oggi.

VELTRONI SEGUE BERLUSCONI

Walter Veltroni segue a distanza Silvio Berlusconi e si classifica secondo per redditi tra i leader politici. Questa mattina sono state rese pubbliche le dichiarazioni dei redditi 2008, relative all'anno 2007. Il presidente del Consiglio si conferma il più ricco, con 14.532.538 milioni di euro. Lo segue l'ex segretario del Partito democratico Walter Veltroni, che dichiara 477.778 euro di reddito imponibile, più del doppio del suo successore, Dario Franceschini, che si colloca al terzo posto con 220.419 euro. Al quarto posto il leader dell'Italia dei Valori, Antonio Di Pietro, con 218.080 euro. A seguire un altro democratico, Massimo D'Alema, che dichiara 171.044 euro. Il leader dell'Udc, Pier Ferdinando Casini (142.130 euro), supera di poco il leghista Umberto Bossi (134.450 euro). Ultimo il presidente della Camera e leader della disciolta An, Gianfranco Fini, con i suoi 105.633 euro.

GOVERNO: FRATTINI ZERO REDDITO

La squadra di governo, ordinata secondo la classifica delle dichiarazioni dei redditi, vede al primo posto il premier Silvio Berlusconi con oltre 14 milioni di euro. E' il ministro dell'Economia Giulio Tremonti a conquistare invece il secondo posto con 4.536.164 euro, seguito da Gianni Letta con 1.154.962. E' quanto emerge dalle dichiarazione dei redditi che fanno riferimento all'anno 2007. Nella classifica l'ultimo posto e' del ministro degli Esteri, Franco Frattini, all'epoca commissario Ue, il cui imponibile italiano risulta pari a zero, mentre il penultimo della lista e' il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Maurizio Balocchi, con 84.914 euro. La classifica e' stilata tenendo conto dei ministri e dei sottosegretari alla presidenza del Consiglio.

An, Napolitano si congratula con Fini

Ultim'ora Televideo, http://www.televideo.rai.it, 23/03/2009

13.36 Il presidente della Repubblica, Napolitano, ha telefonato al presidente della Camera, Fini, per congratularsi con lui per l'intervento di ieri alla giornata conclusiva del congresso di An. Lo riferiscono fonti vicine alla presidenza di Montecitorio sottolineando come nel corso del colloquio, definito lungo e cordiale, Napolitano e Fini abbiano fatto il punto sul quadro politico e istituzionale del Paese.

Martedì 24 Marzo 2009

Nucleare: Francia, 10 milioni per risarcire le vittime dei test

ANSA.it, http://www.ansa.it, 24/03/2009

PARIGI - Il ministro della Difesa francese, Hervé Morin, ha presentato il piano di risarcimento per le vittime dei test nucleari della Francia, dotato di un budget iniziale di 10 milioni di euro per il 2009. I rappresentanti delle vittime contaminate nei test effettuati nel deserto del Sahara e in Polinesia dal 1960 al 1996 hanno accolto con soddisfazione l'annuncio, pur mantenendo alcune riserve.

Tredici anni dopo la fine dei test nel Pacifico e la ratifica da parte della Francia del trattato che vieta i test - ha dichiarato Morin in una conferenza stampa - era ora che il nostro paese fosse in pace con se stesso.

Per il ministro, che ha presentato le grandi linee di un progetto di legge che sarà depositato in parlamento entro giugno e che aveva anticipato in un'intervista a Le Figaro, il dispositivo sarà "giusto" e "rigoroso", basato su una "totale trasparenza".

Il risarcimetno potrà riguardare "alcune centinaia di persone" sulle 150.00 tra lavoratori civili e militari che parteciparono al totale dei 210 test nucleari francesi. I dossier - ha detto Morin - saranno esaminati da un comitato di esperti presieduto da un magistrato che dovrà poi fare una proposta entro sei mesi. Le 18 malattie conseguenza dei test sono ricavate dalla lista ufficiale proposta dalle Nazioni unite sul tema.

Schifani: biotestamento? Tema coscienze

Ultim'ora Televideo, http://www.televideo.rai.it, 24/03/2009

18.43 "L'importante è che il dibattito sul ddl sul testamento biologico risponda alle coscienze e non ai partiti politici. E' questo il mio auspicio". Lo dice il presidente del Senato, Schifani. "Ho registrato -sottolinea- un'atmosfera di confronto serio,degno della materia che stiamo trattando". La presidenza del Senato ha ammesso 900 dei circa tremila emendamenti al Ddl sul testamento biologico. Tra quelli giudicati improponibili ci sono le norme sulle cure palliative e le terapie contro il dolore.

Gaza, esperti Onu chiedono un'inchiesta

Ultim'ora Televideo, http://www.televideo.rai.it, 24/03/2009

23.07 Un'inchiesta per determianre se fosse possibile per i soldati israeliani distinguere tra obiettivi militari e popolazione civile durante l'offensiva nella Striscia di Gaza. Lo propone Richard Falk, relatore speciale dell'Onu sulla situazione dei diritti umani nei Territori palestinesi. Se non era possibile fare questa distinzione, si legge nel rapporto, "gli attacchi risultano illegali e sembrano costituire un crimine di guerra in base al diritto internazionale".

Milano, Corona indagato per bancarotta

Ultim'ora Televideo, http://www.televideo.rai.it, 24/03/2009

16.57 Il "fotografo dei vip" Fabrizio Corona è stato iscritto nel registro degli indagati per bancarotta per distrazione dalla Procura di Milano in relazione al fallimento della sua azienda. L'inchiesta è coordinata dal Pm Fusco e mira a capire se l'indagato abbia intascato personalmente soldi ricevuti come compenso per le attività della sua azienda, la Corona's, che dovevano invece essere destinati alle casse della società.

Alitalia: causa contro vertici

ANSA.it, http://www.ansa.it, 24/03/2009

Per aver causato il dissesto della compagnia

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Consumatori Associati presentera' una causa collettiva civile contro gli ex amministratori Alitalia dal 2000 al 2008. Raccolte migliaia di adesioni in tutta Italia da azionisti e obbligazionisti Alitalia, Consumatori Associati ha depositato la causa, che mira a ottenere il risarcimento danni per la perdita totale del valore delle azioni e delle obbligazioni. In essa si sottolineano i comportamenti attivi e/o omissivi che hanno causato il dissesto della compagnia.

Premier, magistratura e' metastasi

ANSA.it, http://www.ansa.it, 24/03/2009

Impregilo assolta a Bologna e condannata Firenze, e' patologico

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - La magistratura e' una metastasi, dice Berlusconi a proposito delle inchieste su alcune imprese che han fatto i lavori per l'Alta Velocita'. 'E' una cosa drammatica - ha detto - che i dirigenti di Impregilo, eseguita la galleria tra Bologna e Firenze, sino stati assolti a Bologna ma condannati a 5 anni a Firenze. E' qualcosa di patologico, c'e' una magistratura che e' una metastasi e la societa' deve reagire, altrimenti piu' nessuno vorra' venire in Italia a fare le infrastrutture'.

Droga e Vip,archiviazione per la Grandi

Ultim'ora Televideo, http://www.televideo.rai.it, 24/03/2009

18.53 L'inchiesta romana sulla "Roma bene", che vedeva coivolte 19 persone in un giro di droga e prostituzione, ha visto l'archiviazione del procedimento a carico di Serena Grandi. La magistratura ha ritenuto l'attrice completamente estranea ai fatti che risalgono al 2003 e che vedevano coinvolti anche l'attrice Lyudmilla Derkach e tre ristoratori romani.

Amnesty: in Cina 72% condanne a morte

Ultim'ora Televideo, http://www.televideo.rai.it, 24/03/2009

0.15 Nel 2008 sono state eseguite 2.390 esecuzioni capitali in tutto il mondo, e ancora una volta il triste primato va alla Cina, con il 72% delle condanne. E' quanto si desume dal rapporto "Condanne a morte ed esecuzioni nel 2008", diramato da Amnesty International. Le esecuzioni sono avvenute in 25 Stati,mentre altri 27 hanno emesso 8.864 sentenze di condanne a morte, spesso al termine di processi definiti "iniqui". L'Europa si conferma il continente più virtuoso: solo la Bielorussia applica ancora la pena capitale.

Nucleare: Francia risarcisce vittime

ANSA.it, http://www.ansa.it, 24/03/2009

Per i test effettuati tra il '60 e il '96, stanziati 10 mln euro

(ANSA) - PARIGI, 24 MAR - Il Governo francese risarcira' le vittime dei passati test nucleari ed ha gia' stanziato un fondo iniziale di 10 milioni di euro. Lo afferma il ministro della Difesa francese Herve Morin al quotidiano Le Figaro.La Francia ha a lungo rifiutato di riconoscere ufficialmente un legame tra i 210 test effettuati tra il 1960 e il 1996 in Algeria, nella Polinesia e nell'Oceano pacifico, ed i disturbi riportati da militari e civili coinvolti. Circa 150mila persone sono teoricamente ammalate.

Studio Usa conferma: troppa carne rossa aumenta il rischio di tumore e infarto

Rainews24, http://www.rainews24.it, 24/03/2009

Nessuno sostiene che la gente dovrebbe completamente evitare bacon o hamburger: la ricerca però ci dice che limitare nettamente quei cibi riduce il rischio di morire per cancro o altre malattie. Ed Yong, ricercatore al Cancer Research britannico, invita alla cautela ma al tempo stesso non nasconde le nuove prove a conferma che mangiare grandi quantità di carne rossa non fa bene alla salute.

Chi fa grandi abbuffate di carne rossa infatti ha un accresciuto rischio di morte nel corso degli anni; al contrario, un consumo anche accentuato di carne bianca, è associato a un rischio lievemente inferiore di decesso.

Lo studio statunitense, che appare in "Archives of Internal Medicine", ha preso in esame 500.000 persone: gli scienziati del National Cancer Institute hanno scoperto che chi ha una dieta con un'alta proporzione di carne rossa o lavorata ha il

più alto rischio di morte, e in particolare rischia cancro e malattie cardiache. In cima alla lista, quanti mangiano 160 grammi di carne rossa o lavorata ogni giorno; in fondo quelli che ne prendono appena 25 grammi, in pratica una fettina di pancetta. Secondo i ricercatori, si potrebbero evitare l'11% dei decessi tra gli uomini e il 16 tra le donne se le persone riducessero il consumo di carne ai livelli inferiori.

A favorire lo sviluppo del cancro, dicono i ricercatori, è l'alta temperatura richiesta dalla cottura della carne. "Quello che si dovrebbe fare è ridurre notevolmente il consumo totale di carne, ridurre ancora di piu' quella lavorata e gli altri prodotti alimentari con alto contenuto di sale e la riduzione dei grassi saturi totali". Un nutrizionista della Monash University australiana, Mark Wahlqvist, sostiene che

mangiare una piccola quantità di carne rossa apporta quantità utilissime di componenti nutritivi: ma si parla di appena 30 grammi al giorno.

Trasporto aereo,Iata:4,7 Mld di perdite

Ultim'ora Televideo, http://www.televideo.rai.it, 24/03/2009

11.29 Perdite record per il 2009:4,7 miliardi. E' la previsione dell'Associazione internazionale del Trasporto aereo (Iata) per quanto riguarda l'industria globale del settore aereo. Molto peggio, quindi,delle precedenti previsioni, le quali prospettavano una contrazione pari a 2,5 miliardi di dollari. Iata rappresenta 230compagnie aeree, pari al 93% del traffico internazionale. Il 2009 sarà l'anno peggiore mai registrato per il settore.

Mo: polizia Israele mobilitata

ANSA.it, http://www.ansa.it, 24/03/2009

Per manifestazione estremisti destra in citta' araba

(ANSA) - TEL AVIV, 24 MAR - Polizia israeliana mobilitata per la manifestazione di estremisti ebrei di destra a Um el-Fahem, citta' araba nel nord di Israele. Tremila agenti sono dislocati nelle vicinanze di Um el-Fahem, gli estremisti hanno avuto il permesso di sfilare dalla Corte Suprema di Gerusalemme. Il municipio di Um el-Fahem ha ribadito che mentre gli ebrei sono i benvenuti in citta', 'gli estremisti che vengono solo per compiere una provocazione e non potranno avere accesso'.

Stop marcia ebrei in citta' araba

ANSA.it, http://www.ansa.it, 24/03/2009

manifestazione fermata dopo mezzora, scontri con popolazione

(ANSA) - TEL AVIV, 24 MAR - Su ordine della polizia, si e' conclusa mezz'ora dopo l'inizio la manifestazione di estremisti ebrei nella citta' araba di Um el-Fahem.La marcia del centinaio di dimostranti e' stata protetta da vicino da due autobus blindati. Agenti sono stati costretti a ricorrere a gas lacrimogeni per tenere la popolazione araba a distanza di sicurezza. Si ha notizia di alcuni contusi, fra i quali il vicecapo della polizia israeliana, Shar Ayalon, e il deputato Ilan Ghilon del partito di sinistra Meretz.

Piombo fuso', nuove accuse a Israele per crimini di guerra a Gaza

Rainews24, http://www.rainews24.it, 24/03/2009

Il quotidiano britannico Guardian accusa l'esercito israeliano di aver usato bambini palestinesi come scudi umani, di aver attaccato scuole e ospedali di Gaza e di aver colpito la popolazione civile con droni, gli aerei senza pilota radiocomandati.

Amnesty International da aprte sua punta il dito anche su Hamas, che durante l'attacco israeliano ha giustiziato oltre una ventina di uomini vicini a fazioni palestinesi rivali, accusandoli di collaborazionismo con Israele.

Medici e ambulanze, nelle testimonianze raccolte dal Guardian, furono oggetto di attacchi da parte delle forze israeliane: almeno 16 i caduti in operazioni di soccorso a feriti. Oltre la metà dei 27 ospedali di Gaza e delle 44 cliniche sono stati danneggiati dalle bombe israeliane.

Le armi impiegate, la densità della popolazione di Gaza, le circostanze, tutto sembra indicare che la vasta offensiva militare 'Piombo fuso' condotta dall'esercito israeliano nella Striscia di Gaza possa costituire un "crimine di guerra della più vasta portata in base al diritto internazionale", si legge nel rapporto di un relatore dell'Onu per i diritti umani presentato ieri a Ginevra, nel quale si chiede un'indagine di esperti.

Per Richard Falk, relatore speciale del Consiglio dei diritti umani dell'Onu sulla situazione nei territori palestinesi, l'inchiesta dovrà stabilire tra l'altro se con le armi impiegate fosse possibile distinguere tra obiettivi militari e popolazione civile.

Se non era possibile fare questa distinzione - si legge nel rapporto di 26 pagine discusso dal Consiglio dei diritti umani - gli attacchi risultano illegali di per sé e sembrano costituire un crimine di guerra della piu' grande portata in base al diritto internazionale, aggiunge Falk. Il capo di Stato Maggiore israeliano, il generale Gabi Ashkenazi, ha respinto con forza le accuse apparse sulla stampa israeliana in merito a violenze gratuite che i soldati israeliani avrebbero commesso durante l'operazione 'Piombo Fuso': "Non credo che i soldati delle forze di sicurezza israeliane abbiano colpito civili palestinesi a sangue freddo. Attenderemo i risultati delle indagini, ma la mia sensazione è che i soldati abbiano avuto comportamenti etici e morali. Se ci sono stati incidenti, si è trattato di episodi isolati", ha detto Ashkenazi, citato dal quotidiano israeliano Yedioth Ahronoth.

Pensioni: Fmi, Italia fece molto

ANSA.it, http://www.ansa.it, 24/03/2009

Non ci sono problemi di collasso per il debito pubblico italiano

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - 'Dal punto di vista delle pensioni l'Italia ha fatto molto negli anni scorsi' dice il capo dipartimento affari fiscali Fmi, Carlo Cotarelli Ora 'occorre parlare, per quanto riguarda la riforma delle pensioni e della sanita', di cambiamenti parametrici'. 'Inevitabile un innalzamento dell'eta' pensionabile' in futuro. Sulla crisi: 'Adeguate' le politiche attivate tenendo conto dell'elevato debito pubblico dell'Italia. 'Non ci sono problemi di collasso per il debito pubblico italiano'.

Cina: serve nuova valuta internazionale

Ultim'ora Televideo, http://www.televideo.rai.it, 24/03/2009

10.09 Una nuova valuta sovranazionale per gli scambi internazionali al posto del dollaro. L'idea è sostenuta dal governatore della banca centrale cinese, Zhou Xiaochuan. La nuova moneta "non dovrebbe essere collegata a nazioni individuali",questa la proposta Zhou Xiaochuan. Chiari il riferimento al dollaro e le preoccupazioni cinesi per i rischi inflazionistici della valuta Usa. La Cine infatti è il maggior detentore del mondo di titoli di debito americani.

Aig: manager vuotano tasche, restituiti 50 mln bonus

ANSA.it, http://www.ansa.it, 24/03/2009

NEW YORK - Restituiranno bonus per 50 milioni di dollari: 24 dei manager che hanno ricevuto assegni da Aig optano per svuotare le tasche e restituire quanto ricevuto. In particolare a fare marcia indietro sono 15 dei 20 executive della divisione prodotti finanziari che hanno incassato i premi più sostanziosi e nove dei dieci manager di Aig con i bonus più pesanti. Il procuratore generale di New York, Andrew Cuomo, non nasconde la propria soddisfazione nell'annunciare la decisione di alcuni top manager della divisione prodotti finanziari del colosso assicurativo, a poche ore dall'audizione al riguardo del segretario al Tesoro Timothy Geithner e del presidente della Fed Ben Bernanke.

"Plaudo alla decisione di tutti i dipendenti di Aig che hanno restituito i bonus: state facendo la cosa giusta" afferma Cuomo, mostrando la propria comprensione per tale "difficile scelta", soprattutto se operata da persone non coinvolte nel creare le operazioni che hanno spinto il colosso assicurativo sull'orlo del collasso. Molti non americani hanno deciso di restituire i bonus, "pur non rientrando sotto la mia giurisdizione" spiega Cuomo precisando di non ritenere di pubblico interesse la divulgazione dei nomi di coloro che hanno optato per fare marcia indietro e restituire i contestati premi.

Dei 165 milioni di dollari di bonus distribuiti da Aig, che ha ricevuto dal governo americano aiuti per oltre 170 miliardi di dollari, il 47% (cioé circa 80 milioni) è stato distribuito a dipendenti americani. Aig aveva fissato alle ore 23.00 italiane la scadenza per i propri dipendenti per comunicare la propria posizione rispetto ai bonus. "Siamo profondamente grati che la maggioranza dei senior manager della divisione prodotti finanziari abbia espresso la volontà di restituire i bonus - sottolinea il colosso assicurativo in una nota -. Continuiamo a esaminare le risposte che ci sono giunte dagli altri dipendenti e apprezziamo il supporto di Cuomo". L'annuncio giunge a poche ore dall'apparizione di Geithner e Bernanke di fronte alla Commissione Servizi Finanziari della camera che, probabilmente, li metterà sotto torchio per cercare di capire se e quanto l'amministrazione e la banca centrale fossero al corrente dei bonus. I premi hanno sollevato molte proteste e indignato l'opinione pubblica, anche perché giunti poco dopo gli ulteriori aiuti per 30 miliardi accordati dal governo ad Aig. A finire nel mirino delle critiche è stato soprattutto Geithner: da più parti è stato invitato a lasciare il posto di segretario al Tesoro.

Geithner però ha respinto le accuse, spiegando di essere venuto a conoscenza dei bonus solo il 10 marzo e aver informato la Casa Bianca il 12 marzo, dopo aver cercato di fermarli insieme al suo staff ma non aver trovato mezzi legali per farlo. Nelle scorse settimane, prima dello scandalo bonus, Bernanke sia davanti alla Camera sia davanti al Senato aveva messo in evidenza la propria "arrabbiatura" per il salvataggio di Aig, definendolo l'intervento che più gli è costato da quando è scoppiata la crisi.

Cervello: in adolescenti 'matura' tra 11 e 16,5 anni

ANSA.it, http://www.ansa.it, 24/03/2009

ROMA - Il 'tempo delle mele' è un'età critica anche per il cervello: è esattamente tra gli 11 e i 16,5 anni che il cervello si sviluppa di più. La sua 'maturazione' in atto è stata 'filmata in diretta' sul cervello di un gruppo di adolescenti durante il sonno. La ricerca è stata condotta da Ian Campbell e Irwin Feinberg dell'Università californiana di Davis e pubblicato sulla rivista dell'Accademia Americana delle Scienze 'PNAS'.

Gli esperti hanno studiato l'attività cerebrale notturna dei ragazzi a partire dall'età di 9 anni utilizzando un semplicissimo elettroencefalogramma (EEG), quindi in modo non invasivo, economico e semplice. C'é uno stadio del sonno, detto 'sonno profondo', in cui il cervello va normalmente incontro a una fase di riassestamento per riordinare le informazioni accumulate durante il giorno ed eliminare il superfluo. Ciò è ancora più vero nel cervello in crescita di un giovane che è plastico e flessibile come pongo e reagisce in modo estremamente dinamico al mondo intorno a lui. Analizzando i tracciati dell'EEG gli esperti hanno visto che nella fascia d'età 11-16,5 anni, ma non a 9 anni né dopo i 16) la fase profonda del sonno è particolare: risulta caratterizzata da una ridotta attività cerebrale, ovvero l'EEG registra poche onde neurali. Questo secondo gli autori corrisponde al fatto che il cervello in quell'età è in piena fase di modellamento e quindi di notte diviene meno attivo perché tutto 'concentrato' a forgiarsi, formare nuove sinapsi, maturare. In quel range di età, dunque, l'attività cerebrale si riduce al massimo di notte, per dar spazio all'opera formativa del cervello. Questo studio indica un modo semplice per monitorare lo sviluppo cognitivo del cervello dei giovani, i cambiamenti cerebrali dell'adolescenza e anche le malattie psichiatriche che possono emergere in questa fascia d'età.

Taranto,recuperati reperti archeologici

Ultim'ora Televideo, http://www.televideo.rai.it, 24/03/2009

5.55 Una pregiata collezione di reperti archeologici è stata recuperata dai militari del Nucleo di Polizia tributaria della Guardia di Finanza di Taranto durante una perquisizione domiciliare. I militari hanno sequestrato 171reperti di epoca ellenistica,databili fra il VII e il III secolo a.C., alcuni dei quali di grande valore. Una persona è stata denunciata all'Autorità giudiziaria. I particolari dell'operazione in una conferenza stampa in mattinata presso la sede del Comando provinciale della Guardia di Finanza di Taranto.

Mercoledì 25 Marzo 2009

Lourdes, uccide madre a colpi di crocifisso

ANSA.it, http://www.ansa.it, 25/03/2009

PARIGI - Credeva di essere il diavolo e così una donna di 34 anni ha ucciso la madre di 81 colpendola con un crocifisso e una lampada: è successo la notte scorsa nella città mariana di Lourdes, in Francia, una delle principali mete per i pellegrini cattolici di tutto il mondo. E' stata la stessa donna a chiamare i soccorsi dopo aver colpito a morte la madre. Al loro arrivo gli agenti di polizia l'hanno trovata ricoperta di sangue, inginocchiata accanto al letto dove si trovava il corpo straziato dell'anziana: "ho avuto delle visioni, ho creduto di essere il diavolo, di essere il male", ha tentato di spiegare la donna poi ricoverata all'ospedale psichiatrico di Tolosa. Madre e figlia, entrambe molto credenti, in base a quanto riferito dagli inquirenti, si erano trasferite due anni fa a Lourdes, dove la Vergine è apparsa, secondo la tradizione cattolica, alla pastorella Bernadette Soubirous. Le due donne vivevano in un piccolo appartamento con le pareti interamente ricoperte di crocifissi e oggetti religiosi.

Francia, operai sequestrano manager che vuole licenziarli

Rainews24, http://www.rainews24.it, 25/03/2009

In Francia, un manager e' stato sequestrato dagli operai che minacciano di tenerlo sottochiave fino a quando non avra' concesso condizioni piu' favorevoli a 110 impiegati che rischiano il licenziamento. Sospesi nella notte, i negoziati non erano ancora ripresi nel pomeriggio: e Luc Rousselet, direttore industriale della 3M Sante' di Pithiviers (Loiret) e' stato autorizzato a uscire solo per andare al bagno. Un gesto inconsueto, proprie mentre esce nelle sale europee la caustica commedia contro il liberismo senza speranze, "Louise-Michel": la storia di un gruppo di operaie tessili che assolda un killer per uccidere il proprio capo.

3,4 milioni di disoccupati in Francia

La disoccupazione prosegue la sua crescita in Francia con 79.900 nuovi senza lavoro a febbraio dopo i 90.000 di gennaio, un dato che porta il totale degli iscritti alle liste del collocamento, totalmente inattivi, a 2,38 milioni. Lo annuncia il ministero francese del Lavoro specificando che che il numero di disoccupati raggiunge i 3,4 milioni tenendo conto di coloro che esercitano un'attivita' parziale, con un aumento di 80.000 unita' a febbraio, in base alla nuova classificazione statistica dell'impiego, che rimpiazza con cinque categorie le otto categorie tradizionali.

Topolanek:piano Obama porta all'inferno

Ultim'ora Televideo, http://www.televideo.rai.it, 25/03/2009

17.53 Il piano contro la crisi economica varato dal presidente americano Obama è "la via per l'inferno". Così si è espresso, davanti all'Europarlamento, il premier ceco Topolanek, presidente di turno dell'Unione europea. Topolanek critica il carattere "permanente" delle misure prese da Washington, che facendo ampio ricorso alla spesa pubblica peggioreranno il deficit Obama ha di recente chiesto ai Paesi Ue di impegnare più risorse per stimolare l'economia, senza ottenere consensi.

Aids, Avvenire: 'Supponenze da Francia'

Ultim'ora Televideo, http://www.televideo.rai.it, 25/03/2009

11.37 Dopo le critiche di Parigi e Berlino, i vescovi italiani difendono le posizioni del Papa su Aids e preservativi. "A Parigi si coltiva l'ambizione -si legge su Avvenire- di dare lezioni al Papa che ha osato invitare gli africani ad alzare testa e voce e riconoscere il ruolo delle donne". Critiche giunte con "l'irrefrenabile supponenza di chi in Africa è andato sempre da padrone". In Francia, spiega Avvenire, il profilattico è considerato "liberatorio e salvifico: un alibi per le coscienze di un Occidente ricco e sentenzioso".

Bioetica, Matteoli:libertà di coscienza

Ultim'ora Televideo, http://www.televideo.rai.it, 25/03/2009

13.03 "Dobbiamo decidere secondo la nostra coscienza. Credo che alla fine un testo uscirà. Però la questione del testamento biologico non può essere indirizzata dal partito. Non può esserci un segretario di partito che può dire ad un parlamentare come votare su questo. Serve libertà di coscienza". Così il ministro delle Infrastrutture e dei trasporti,Matteoli, a proposito del disegno di legge sul testamento biologico, il cui testo è in discussione al Senato. Il voto finale è previsto nella giornata di domani.

Israele: Iran ha capacità per atomica

Ultim'ora Televideo, http://www.televideo.rai.it, 25/03/2009

16.03 L'Iran ha superato la "soglia tecnologica" per produrre una bomba atomica. Lo ha affermato a Gerusalemme il capo del servizio di informazioni militari israeliano, Yadlin, alla Commissione Esteri e Difesa del Parlamento. La strategia di Teheran,secondo Yadlin, è quella di arricchire una grande quantità di uranio a un livello molto basso, 4,5%, per farlo passare come destinato solo a uso civile, e arricchirlo poi a un grado utile a usi militari, 93%, in pochi mesi.

Israele: 1.370 morti in offensiva Gaza

Ultim'ora Televideo, http://www.televideo.rai.it, 25/03/2009

16.35 Nell'operazione "Piombo fuso", lanciata a Gaza da Israele, sono rimasti uccisi 1.370 palestinesi. Lo rivela,a due mesi dalla conclusione del raid, una stima dell'Esercito israeliano. Come riporta il giornale Haaretz, 600delle vittime sono state identificate come "persone di Hamas",mentre 309erano persone "non coinvolte" nei combattimenti. Fra questi, 189 bambini al di sotto dei 15 anni, e 91 donne. 121vittime non sono state identificate. Fonti palestinesi hanno pubblicato stime analoghe:fra 1.324 e 1.434 morti.

Incentivi:emendamento Lega,governo giu'

Ultim'ora Televideo, http://www.televideo.rai.it, 25/03/2009

4.13 Nelle commissioni Finanze e Attività produttive della Camera è passato un emendamento della Lega sul quale il governo, secondo quanto si apprende, aveva espresso parere contrario. L'emendamento della Lega prevede che gli incentivi per l'acquisto di auto, elettrodomestici e mobili, si applichino a quelle aziende che si impegnano a non delocalizzare la produzione.

Organici della scuola, 40% tagli al sud, via 245 presidi

ANSA.it, http://www.ansa.it, 25/03/2009

ROMA - Il 40% dei tagli sull'organico docente si realizzerà in quattro regioni: Campania, Puglia, Sicilia e Calabria. E' quanto si evince dalle tabelle allegate al decreto interministeriale sugli organici per l'anno scolastico 2009-2010 che prevede 37.000 tagli nell'organico di diritto e ulteriori 5.000 in quello di fatto, confermando quindi i 42.000 posti in meno decisi con la manovra Finanziaria, seppure con una 'uscita' in due fasi. In base al provvedimento - una bozza alla quale probabilmente verranno apportati nei prossimi giorni piccoli aggiustamenti - ci sarà una riduzione di 10.000 insegnanti nella scuola primaria, oltre 15.500 alle medie e circa 11.350 alle superiori a cui si aggiunge un taglio di 245 presidi (per la riduzione delle autonomie scolastiche).

Per quanto riguarda i docenti di sostegno il numero rimane sostanzialmente quello dell'anno scolastico in corso (circa 90.500 unità). A fronte di ciò si prevede un aumento di 4.120 alunni nella primaria e di 10.462 nella secondaria di primo grado mentre nella secondaria di secondo grado si registra una flessione di circa 26.700 studenti. Nel provvedimento (una ventina di pagine a cui sono allegate alcune tabelle) si sottolinea l'esigenza che le Regioni e gli Enti Locali vengano coinvolti nella fase di elaborazione del piano di assegnazione delle risorse alle singole province e anche per il prossimo anno saranno consentite compensazioni tra i contingenti di organico relativi ai diversi gradi di scolarità "anche nell'ottica, ove possibile, dell'estensione del tempo pieno".

A questo proposito "l'organizzazione del tempo pieno è realizzata nei limiti dell'organico assegnato per l'anno scolastico 2009-2009" precisando che "le ore di insegnamento residuate dalla istituzione di classi con 24 ore e dalla presenza aggiuntiva di docenti specialisti per l'insegnamento della lingua inglese e della religione cattolica, nonché dal recupero delle ore di compresenza del tempo pieno, possono essere impiegate per ampliare l'offerta formativa della scuola" e dunque anche per una estensione del tempo pieno. Per quanto riguarda l'inglese potenziato, potrà essere autorizzato "compatibilmente con le disponibilità di organico" e "solo in assenza di esubero dei docenti delle seconde lingue comunitarie sia nell'ambito della scuola interessata che a livello provinciale".

Fed: al via acquisto titoli Stato

Ultim'ora Televideo, http://www.televideo.rai.it, 25/03/2009

23.31 La Federal Reserve inizierà ad acquistare titoli del Tesoro domani 25 marzo.Lo comunica l'Istituto centrale Usa. La Fed spiega che procederà all'acquisto di titoli che matureranno dal febbraio 2016 al febbraio 2019. Nei giorni scorsi la Fed ha annunciato un piano per l'acquisto di titoli del Tesoro per 300 miliardi di dollari.

Obama: Usa,economia più forte del mondo

Ultim'ora Televideo, http://www.televideo.rai.it, 25/03/2009

3.13 L'economia americana "è la più forte del mondo" e non esiste alcuna necessità di una nuova valuta mondiale per rimpiazzare il tradizionale dollaro.Così il presidente Usa risponde alla recente proposta della Cina. Ad una domanda durante una conferenza stampa se il fattore razziale sia emerso nei primi due mesi di presidenza Obama ha risposto:"Sarò giudicato dagli americani per la qualità del mio operato, e questo è proprio quello che dovrebbe accadere".

Dramma Darfur: Onu, un milione senza cibo

ANSA.it, http://www.ansa.it, 25/03/2009

NAIROBI - In Darfur oltre un milione di persone resteranno senza cibo entro maggio per l'impossibilità di distribuire aiuti alimentari dopo che il governo sudanese ha espulso le organizzazioni internazionali che se ne occupavano. E' quanto ha dichiarato a Khartum il coordinatore dell'Onu per gli aiuti umanitari in Sudan, Ameerah Haq. Ciò, ha aggiunto, mentre si teme un drammatica diminuzione delle riserve d'acqua, già poverissime, entro le prossime due settimane. Lo riferisce la Bbc on line.

Il Darfur, ampia regione occidentale del Sudan, è sconvolto da una guerra civile esplosa nel febbraio del 2003, e repressa in modo selvaggio. Finora circa 300.000 morti ed oltre due milioni di profughi, tra orrori senza fine. Proprio gli avvenimenti del Darfur hanno portato il tribunale penale internazionale dell'Aia ad emettere un mandato di cattura nei confronti del presidente sudanese Omar Al Bashir. E Bashir (a cui peraltro è andata la solidarietà totale dell'Africa intera) ha reagito espellendo 13 organizzazioni non governative dal Paese, in maggioranza operanti in Darfur, accusandone gli operatori di essere spie. Ora per risolvere il precipitare del dramma occorrerebbe - secondo Ameerah Haq - che l'Onu trovi immediatamente fondi per avviare una gigantesca distribuzione d'emergenza, poiché la catastrofe appare ormai dietro l'angolo.

BASHIR AL CAIRO,ZAWAHRI VUOLE GUERRA

COLLOQUI CON MUBARAK. AL QAIDA, 'GOVERNO SUDAN E' DEBOLE'

Il presidente sudanese Omar al Bashir prosegue l'intensa attività diplomatica dopo il mandato di arresto nei suoi confronti spiccato il 4 marzo dalla Corte penale internazionale per crimini di guerra e contro l'umanità in Darfur. Bashir, dopo una visita-lampo in Eritrea, è atteso al Cairo, in Egitto, per colloqui con il presidente Hosni Mubarak, come ha reso noto una fonte della presidenza egiziana. Il presidente sudanese ha poi annunciato la propria partecipazione al vertice arabo di Doha, previsto il 30 marzo.

La scorsa settimana, l'Egitto - che non ha mai ratificato la Cpi, al pari di molti Paesi arabi - ha espresso solidarietà al presidente sudanese, con un messaggio firmato dallo stesso Mubarak e consegnato dal ministro degli Esteri del Cairo, Ahmed Abul Gheit, e dal responsabile dei servizi segreti egiziani, Omar Suleiman, nel corso di una visita a Khartum. All'indomani della decisione della Cpi, l'Egitto aveva chiesto una riunione urgente e straordinaria al Consiglio di Sicurezza dell'Onu, esprimendo profonda preoccupazione per il mandato di cattura "a causa delle possibili ripercussioni negative sulla stabilità della situazione in Sudan".

Il Cairo, inoltre, propone da tempo una conferenza internazionale sul Darfur, con la partecipazione del governo sudanese. Ieri, l'egiziano Ayman al-Zawahri, numero due di al Qaida, ha incitato i sudanesi in un messaggio web a "prepararsi per la guerriglia contro i crociati" dopo la condanna di al Bashir. "Preparatevi con l'addestramento, l'equipaggiamento, le riserve e l'organizzazione necessaria per una lunga guerriglia, perché i crociati moderni vi hanno mostrato le proprie zanne", ha detto Zawahri in un messaggio audio di 17 minuti pubblicato sui principali siti islamici. Il braccio destro di Osama bin Laden ha poi precisato di non voler "difendere Bashir o il suo regime, né quello che ha fatto in Darfur o altrove". "Il regime sudanese è troppo debole per difendere il Sudan", ha aggiunto, spiegando che Bashir deve scegliere la strada della jihad, e "abbandonare le sue manovre politiche" o il Sudan farà la fine della Somalia e dell'Iraq.

Pedofilia: abusi su 10-20% bambini, in Europa fenomeno in crescita

ANSA.it, http://www.ansa.it, 25/03/2009

BRUXELLES - In Europa si stima che una significativa minoranza di bambini, tra il 10 e il 20%, avrebbe subito violenze sessuali durante l'infanzia. Lo indica la Commissione europea, secondo la quale questo fenomeno, stando a recenti ricerche, non sta diminuendo. Anzi, alcune forme di violenza sessuale, in particolare contro i teenager, sono "in crescita". In molti casi, come per il turismo sessuale o la pornografia infantile, gli abusi - spiega Bruxelles - si verificano in Paesi diversi e a causa delle differenze tra le legislazioni nazionali, diventa difficile per le autorità agire. Alcuni pedofili riconosciuti come tali, ad esempio, possono così continuare a nei loro abusi anche dopo le sentenze. Da qui la scelta dell'esecutivo Ue, su proposta del commissario Ue alla Giustizia, libertà e sicurezza Jacques Barrot, di aprire diversi fronti di azione: prima di tutto si punta a norme più dure, ma soprattutto a colpire le nuove forme di abusi e sfruttamento facilitate da internet come il 'grooming', ossia l'adescamento online dei bambini per scopi sessuali. Inoltre, Bruxelles chiede di perseguire penalmente anche nel loro paese quegli europei che commettono reati legati al turismo sessuale in luoghi extra Ue. Si sollecitano infine meccanismi nazionali per bloccare accesso a siti pedo-pornografici non Ue sotto la supervisione dell'autorità giudiziaria.

Bergamo,prostituzione dall'Est: arresti

Ultim'ora Televideo, http://www.televideo.rai.it, 25/03/2009

6.44 Sono in esecuzione in varie province del nord Italia circa una ventina di arresti nei confronti di una organizzazione dedida allo sfruttamento della prostituzione. I provvedimanti sono stati emessi dal Gip di Bergamo. Si tratta di una organizzazione ramificata, composta da elementi di etnia albanese e romena.Le ragazze, provenienti da Paesi dell'Est, venivano fatte entrare in Italia con documenti falsi e poi avviate alla prostituzione.Coinvolti 7 italiani: accompagnavano le donne nei luoghi dove si prostituivano.

Sul web istruzioni per armi: 5 indagati

Ultim'ora Televideo, http://www.televideo.rai.it, 25/03/2009

9.32 Mettevano su internet istruzioni per creare e utilizzare bombe,armi da guerra e chimiche.Questa l'accusa contestata a 5 persone dalla Procura di Catania Indagini e perquisizioni eseguite dalla polizia postale di Catania in collaborazione con la Digos in varie città. Sequestrati proiettili, munizioni per armi da guerra,2 fucili e 7 pistole,oltre ai manuali multimediali per spiegare come costruire armi.Denunciate altre due persone per detenzione illegale di armi.

In archivio Genchi 13 milioni utenze

ANSA.it, http://www.ansa.it, 25/03/2009

ROMA - Nell'archivio di Gioacchino Genchi, il consulente dell'ex pm di Catanzaro Luigi De Magistris, i carabinieri del Ros avrebbero individuato 13 milioni di intestatari di utenze telefoniche, le cosiddette 'anagrafiche'. E' quanto si apprende in ambienti investigativi. Tra il materiale sequestrato nel corso delle recenti perquisizioni disposte dalla procura di Roma nell'ufficio di Genchi a Palermo, attualmente al vaglio degli investigatori, anche dati relativi a un milione e 160 mila persone ricavati delle anagrafi di Palermo, di Mazara del Vallo e di alcuni comuni calabresi. Il totale dei tabulati acquisiti da Genchi ammonterebbe, infine, a 350 milioni di righe di traffico telefonico, ognuna delle quali contiene un chiamante, un chiamato, data, ora, durata e ubicazione della cella telefonica.

Durante le inchieste Poseidone e Why Not condotte dalla procura di Catanzaro, Genchi avrebbe acquisito - secondo gli accertamenti del Ros, citati nella relazione del Copasir sui 'rischi per i servizi segreti derivanti dall'acquisizione e mancata distruzione di dati sensibilì - le 'anagrafiche' di circa 392mila soggetti, sia persone fisiche che giuridiche: un numero che ora lievita addirittura a 13 milioni, dopo l'esame del materiale sequestrato dai carabinieri a Palermo. Materiale, viene sottolineato da fonti investigative, che infatti non riguarda più solo le due indagini di Catanzaro, ma tutti i numerosi procedimenti penali di cui Genchi si è occupato come consulente. Analogamente, rispetto ai 1.402 tabulati di traffico telefonico richiesti da Genchi nell'ambito di Why Not e Poseidone, ora si parla della cifra record di 351 milioni di righe di traffico telefonico recuperate nell'archivio, dove ogni riga corrisponde ad una chiamata, con tutti i dati identificativi della chiamata stessa. Ci sono poi le anagrafi di Palermo, Mazara del Vallo e di alcuni comuni calabresi ancora in corso di identificazione che sarebbero state letteralmente 'copiate', forse per consentire al consulente di effettuare dei collegamenti con gli intestatari delle utenze telefoniche.

Giovedì 26 Marzo 2009

Psicofarmaci senza ricetta, cresce l'uso tra gli studenti

ANSA.it, http://www.ansa.it, 26/03/2009

ROMA - Cresce in Italia l'assunzione di tranquillanti e sedativi senza prescrizione medica tra i ragazzi di età compresa tra i 15 e i 16 anni. E' quanto emerge da l'indagine scolastica 2007 su alcol e altre droghe dell'Espad (European school project on alcohol and other drugs) che ha coinvolto 35 paesi europei. Dieci mila i giovani intervistati dall'Istituto di fisiologia clinica (Ifc) del Consiglio nazionale delle ricerche di Pisa per la parte della ricerca che ha riguardato il nostro paese.

Dati alla mano l'Italia si colloca al quarto posto con il 10% degli studenti che fa uso di sostanza farmacologiche che non necessitano di prescrizione medica con una percentuale femminile doppia rispetto a quella maschile (13% contro il 7%). In testa alla classifica (15% degli intervistati) Polonia, Lituania e Francia-Principato di Monaco, mentre i livelli più bassi si registrano in Armenia, Austria, Russia e Regno Unito (0-2%). Non solo: per "sballare", alla tendenza si associa il consumo di alcolici dichiarato dal 6% degli studenti europei (la punta massima, 18%, si registra nella Repubblica ceca) e dal 4% di quelli italiani. In lieve diminuzione, invece, il vizio del fumo che registra un -4% rispetto ai dati del 1995.

"In Italia - afferma Sabrina Molinaro dell'Istituto di fisiologia clinica del Cnr - ha fumato almeno una sigaretta nella vita il 61% degli studenti intervistati e siamo sesti nella top ten europea". Stabile il consumo degli alcolici, mentre aumenta in modo significativo, soprattutto in Italia, il consumo episodico di quantità elevate di alcol (ovvero il binge drinking, che equivale a cinque o più bevute di fila) che in particolare per le ragazze è passato dal 35 al 42% tra il 2003 e il 2007. Invariato, infine, anche il consumo di sostanze illecite con il 23% dei ragazzi e il 17% delle ragazze nei Paesi oggetto dell'indagine Espad hanno provato sostanze illecite, soprattutto cannabis, almeno una volta nella vita.

Eluana, procedimento contro De Monte

Ultim'ora Televideo, http://www.televideo.rai.it, 26/03/2009

1.47 L'Ordine dei Medici di Udine ha deciso di aprire un procedimento disciplinare nei riguardi dell'anestesista De Monte, che ha guidato l'équipe che ha sospeso alimentazione e idratazione di Eluana. L'Ordine ha contestualmente deciso di sospendere il procedimento in attesa delle conclusioni dell'inchiesta avviata dalla Procura di Udine nei confronti dello stesso De Monte,di Beppino Englaro e di altre 12 persone. Secondo l'Ordine De Monte è colpevole di atto omissivo configurabile come abbandono terapeutico di Eluana.

Israele, su soldati vaccino antrace

Ultim'ora Televideo, http://www.televideo.rai.it, 26/03/2009

4.24 Israele è il primo Paese al mondo ad aver sviluppato un vaccino efficace contro l'antrace. Lo rilevano i siti web delle principali testate israeliane sottolineando che il vaccino è stato testato in segreto in collaborazione con gli Stati Uniti all'inizio degli anni '90. I test vennero effettuati su 716 militari "volontari", che però erano all'oscuro di tutti i rischi connessi all'inoculazione del vaccino.Lo ha confermato il ministero della Difesa costretto dall'Alta corte di giustizia.

Corea Nord,Usa: grave se lancia missile

Ultim'ora Televideo, http://www.televideo.rai.it, 26/03/2009

2.28 L'eventuale lancio di un missile nordcoreano sarebbe "una provocazione" e "avrebbe conseguenze all'Onu". Lo afferma Hillary Clinton, segretario di Stato Usa, in una conferenza stampa a Città del Messico.Il monito arriva dopo la notizia che la Corea del Nord avrebbe piazzato un missile a lunga gittata su una rampa di lancio per effettuare un test sperimentale. A proposito del Messico la Clinton assicura che i cartelli del narcotraffico messicani "falliranno" e ha promesso 80 mln di dollari per la lotta alla droga.

Pakistan, attentato suicida e bombardamenti con droni: decine di morti

Rainews24, http://www.rainews24.it, 26/03/2009

Attentato suicida, questa mattina, in un ristorante nel nord ovest del Pakistan: almeno undici le vittime. Al momento dell'esplosione si trovavano nel ristorante una ventina di miliziani che si oppongono al leader dei talebani pachistani, Baitullah Mehsud. Decine i feriti.

Fonti di intelligence americane, intanto, rivelano che ormai ci sono prove sugli appoggi di parte dei servizi pakistani ai talebani che operano al confine fra Pakistan e Afghanistan. E secondo il Wall Street Journal, presto contro talebani gli USA potrebbero intensificare il ricorso a raid aerei con droni senza pilota.

Sempre in Pakistan, nella regione di Essokhel a una trentina di chilometri a est della citta' di Mir Ali, nel distretto tribale del Waziristan del nord , "due missili lanciati probabilmente da aerei senza piloti statunitensi hanno colpito la residenza di un capo tribale filo-talebano, Malik Gulab Khan, uccidendo quattro persone" ha dichiarato all'Afp un responsabile locale dei servizi di sicurezza.

Crisi, Francia vieterà bonus a manager

Ultim'ora Televideo, http://www.televideo.rai.it, 26/03/2009

16.05 I manager delle aziende che hanno usufruito degli aiuti di Stato non potranno più percepire bonus e stock option. E' il contenuto del decreto che il governo francese emanerà la prossima settimana, come ha annunciato il segretario generale dell'Eliseo, Gueant. "La prossima settimana emaneremo un decreto per stabilire a quali condizioni sarà vietato distribuire stock option e altri benefit come i bonus, in quelle compagnie che hanno ricevuto aiuti", ha detto Gueant.

Saviano: camorra uccide con silenzio e diffamazione

ANSA.it, http://www.ansa.it, 26/03/2009

(di Bianca Maria Manfredi)

MILANO - Il silenzio e la diffamazione sono armi terribili in mano alla camorra e l'ordigno adatto per combatterli è quello della parola. Anche la parola, o meglio le parole, dette questa sera da Roberto Saviano allo speciale di 'Che tempo che fa'. Lui stesso si è definito una "operazione mediatica", nata e portata avanti perché si conoscano gli orrori della camorra e si capisca che riguardano tutti. Il suo "sogno" è che la lotta alla criminalità organizzata diventi una vera e propria moda. E' quello che "i grandi editori, le televisioni, trovassero un punto comune, anche conveniente. Perché non creare una moda?". E' una provocazione, quella dell'autore di Gomorra (che dal 13 ottobre 2006 vive sotto scorta), ma non più di tanto. In un'intervista al Tempo, Carmine Schiavone ha profetizzato che la camorra tenterà di far fuori Saviano quando cadrà nel dimenticatoio. "La cosa più grave che può fare la politica - ha detto lo scrittore - è il silenzio. La cosa più grave che possono fare gli elettori è scegliere il silenzio".

Questo "colpevole silenzio" riguarda però anche i giornali. Saviano ha fatto un monologo di una quarantina di minuti proprio per parlare della forza della scrittura ed è partito per parlarne dai titoli dei giornali locali delle zone di guerra dove si combattono le battaglie della camorra. Sono titoli che fanno da cassa di risonanza alla criminalità organizzata, che mostrano un modo inquietante di vederla, con parole come 'sindacalista giustiziato' per parlare di un assassinio. E poi ci sono le voci, che fanno dubitare dell'onestà di don Beppe Diana, che hanno fatto ventilare la possibilità di una connivenza con la camorra di Salvatore Nuvoletta, un carabiniere di 20 anni ucciso mentre era disarmato e con un bambino sulle ginocchia da una squadra di camorristi. "Perché non avete mai sentito questo nome? - si è chiesto Saviano - E' un carabiniere di 20 anni. Non lo avete mai sentito, perché quando la camorra uccide non lo fa con le pallottole ma con la diffamazione". Così il suo monologo è stato un elenco di persone, di storie, di accuse per le infiltrazioni della camorra, che ad esempio nell'edilizia non opera solo al Sud, ma tanto anche al Nord, in città come Milano, Parma, per non parlare di Berlino. Queste storie di omicidi giornalieri non arrivano quasi mai sulle pagine nazionali. Ogni tanto la notizia arriva, quando si sparge molto sangue e ci sono grandi tragedie.

Ci sono due o tre persone uccise al giorno e la cronaca nazionale le ignora. Allora, l'invito è a non smettere di parlare, come lui stesso non smette di fare nella sua vita non più privata ma "blindata". Più del racconto di questi ultimi tre anni con i Carabinieri, che definisce come una nuova famiglia, ha detto tanto l'immagine dei militari che lo hanno scortato fuori dallo studio televisivo. "Io - ha detto - esisto ora, poi vado in una stanza e non ho più vita fino al prossimo appuntamento".

Giustizia: Consiglio d'Europa, Italia risolva processi lenti

ANSA.it, http://www.ansa.it, 26/03/2009

STRASBURGO - Il Consiglio d'Europa richiama ancora una volta l'Italia a risolvere il problema strutturale dell'eccessiva lungaggine delle procedure giudiziarie. In una nota pubblicata oggi, il Comitato dei ministri, organo esecutivo dell'organizzazione, invita le autorità italiane ad adottare celermente le necessarie misure per accelerare i processi civili, penali e amministrativi. Il Comitato ritiene inoltre necessaria ed urgente l'adozione di misure ad hoc per ridurre l'elevato numero di cause pendenti davanti ai tribunali civili e penali (approssimativamente 5 milioni e mezzo le prime, e 3 milioni e 200 mila le seconde) e allo stesso tempo incoraggia fermamente le autorità italiane a rivedere la legge Pinto. Questa legge, emanata nel 2001 per risarcire le vittime delle lungaggini processuali, si sta dimostrando inadatta, secondo il Comitato ministri, a risolvere il problema, come dimostra l'elevato numero di italiani che si sono rivolti alla Corte di Strasburgo per indennizzi troppo ridotti o avvenuti in ritardo. Il Comitato invita quindi l'Italia a creare un fondo speciale per i risarcimenti e a semplificare le procedure per ottenere gli stessi.

GOLDEN SHARE: CORTE DI GIUSTIZIA CONDANNA ITALIA

La Corte di giustizia europea ha oggi condannato l'Italia per le azioni speciali (golden share) riservate allo Stato in determinate società per azioni. L'Italia, informa la Corte europea, ha violato le regole del Trattato Ue sul libero stabilimento e la libera circolazione dei capitali. La sentenza precisa che il decreto del presidente del Consiglio dei ministri del 10 giugno 2004, recante definizione dei criteri di esercizio dei poteri speciali detenuti dalla Stato per l'applicazione del decreto legge 1994 n.332, sulle norme per l'accelerazione delle procedure di dismissioni di partecipazioni dello Stato e degli enti pubblici in società per azioni, "é formulato in modo generico ed impreciso". Per i giudici europei quindi la mancanza di precisione sulle circostanze che consentono di esercitare questi poteri pregiudicano gli investitori che non sanno quando questi poteri possono trovare applicazione.

Nel mirino della Corte di giustizia europea è finita la legislazione italiana che concede poteri speciali allo Stato in società ormai privatizzate (golden share), in base al decreto italiano del 10 giugno 2004. Questi poteri riguardano, tra l'altro, l'opposizione all'assunzione da parte di investitori di partecipazioni che rappresentano almeno il 5% dei diritti di voto; l'opposizione alla conclusione di patti e accordi tra azionisti che rappresentano almeno il 5% dei diritti di voto; o ancora il veto all'adozione di determinate delibere. Il ricorso contro l'Italia da parte della Commissione europea sulla 'golden share' è giunto alla Corte di giustizia dell'Ue il 13 luglio del 2007.

I giudici europei hanno esaminato i criteri di esercizio di questi poteri speciali giungendo ad una duplice conclusione: il potere di opposizione dello Stato all'acquisizione di partecipazioni e alla conclusione di patti tra azionisti, è "sproporzionato rispetto agli obiettivi perseguiti"; quanto al potere di veto a talune decisioni della società, i criteri "non sono fondati su condizioni oggettive e controllabili". Nell'elencare i poteri speciali previsti dal decreto del 2004 la Corte Ue informa che "una di queste clausole è stata inserita negli statuti di Eni, Telecom Italia, Enel e Finmeccanica". Durante l'udienza l'Italia a sua difesa aveva evocato situazioni che potrebbero giustificare un opposizione all'acquisizione, come l'eventualità che un operatore straniero legato ad una organizzazione terroristica tenti di acquistare partecipazioni in società nazionali in un'area strategica. Ma per la Corte Ue il decreto italiano "non menziona alcuna circostanza specifica ed obiettiva". Contro le 'golden share' la Corte europea si è già pronunciata con sentenze nei confronti di diversi stati membri dell'Ue.

Cbs, raid israeliano in Sudan contro un convoglio carico di armi diretto a Gaza

Rainews24, http://www.rainews24.it, 26/03/2009

Un convoglio carico di armi sarebbe stato bombardato lo scorso gennaio da caccia israeliani in Sudan. E' quanto rivela l'emittente televisiva 'Cbs', dopo che due giorni fa un quotidiano egiziano aveva dato notizia di un presunto raid di caccia statunitensi in Sudan contro un convoglio di armi.

Secondo la ricostruzione della televisione statunitense, che non è stata confermata né smentita dallo Stato ebraico, il convoglio era diretto in Egitto e le armi sarebbero poi arrivate, attraverso il deserto del Sinai, nella Striscia di Gaza, controllata dal giugno del 2007 dal movimento di resistenza islamico Hamas. Il convoglio sarebbe stato composto da 17 camion e nel raid sarebbero morte 39 persone.

Stando a quanto si legge invece sul 'Sudan Tribune', l'intelligence israeliana avrebbe intercettato il convoglio a nordovest della città di Port Sudan. I camion, si legge, erano diretti verso Nord e il raid sarebbe avvenuto "in una zona desertica" nei pressi della zona di Mount al-Sha'anoon.

La 'Cbs' ricorda che Israele e Stati Uniti, dopo l'avvio dell'operazione militare lanciata alla fine dello scorso anno dallo Stato ebraico contro la Striscia di Gaza, hanno siglato un accordo in cui è previsto un maggiore impegno nella lotta alcontrabbando di armi che arrivano poi nel Territorio controllato da Hamas.

E il quotidiano israeliano 'Ha'aretz' ricorda il protocollo d'intesa firmato negli ultimi giorni dell'operazione 'Piombo fuso' contro la Striscia di Gaza, lanciata il 27 dicembre scorso e conclusasi 22 giorni dopo, dal ministro degli Esteri israeliano Tzipi Livni e dall'allora segretario di Stato americano Condoleezza Rice. Il documento prevede un aumento della cooperazione nel tentativo di bloccare il traffico di armi dall'Iran verso

Hamas attraverso il Sudan.

Pechino: 'Grossa deformazione della realtà' il rapporto del Pentagono sulla minaccia cinese

Rainews24, http://www.rainews24.it, 26/03/2009

Non mancheranno gli argomenti, nel colloquio che il presidente americano Barack Obama avrà con il premier cinese Hu Jintao mercoledì prossimo a Londra, in occasione del G20. La Cina ha denunciato oggi come "grossa deformazione della realtà" il recente rapporto del Pentagono che indicava come pericoloso per gli equilibri planetari il riarmo cinese.

Le forze armate (cinesi) continuano a concepire e a mettere in opera tecnologie 'perturbatrici' - si legge nel rapporto - in particolare in campo nucleare, spaziale e cibernetico, che cambiano gli equilibri militari regionali e hanno implicazioni al di là della zona Asia-Pacifico.

Ma quello sul riarmo cinese è solo l'ultimo di una lunga serie di attriti fra Pechino e Washington, che ha di fatto bocciato la proposta cinese per un ruolo maggiore a livello internazionale per gli special drawind rights (Sdr), i diritti speciali di prelievo del Fondo monetario internazionale, a scapito del dollaro. Il dollaro sarà la valuta di riserva internazionale di riferimento per "molto, molto tempo", fa sapere la Casa Bianca, precisando che il segretario al Tesoro Timothy Geithner condivide la stessa opinione del presidente Barack Obama, e cioè che il biglietto verde resterà la moneta di riferimento. Il dollaro aveva sofferto un calco sui mercati in seguito alle dichiarazioni di Geithner, che si era detto "aperto" a esaminare la proposta della Cina.

Per il Pentagono, insomma, la Cina deve essere più chiara sulla modernizzazione in corso delle sue forze armate, per non creare rischi di incertezza e di decisioni strategiche sbagliate da parte di altri Paesi. Il rapporto sottolinea come la Cina stia continuando a sviluppare sistemi d'arma in grado di minacciare Taiwan, sebbene le tensioni fra Pechino e Taipei si siano significativamente ridotte negli ultimi mesi.

Washington schiera le navi per abbattere il missile coreano

Rainews24, http://www.rainews24.it, 26/03/2009

La Marina Usa ha annunciato lo schieramento di due cacciatorpediniere al largo del Giappone in vista del lancio si un missile-satellite annunciato dalla Corea del nord.

Le due unita', la Uss McCain e la Uss Chafee, sono munite di tecnologia Aegis in grado di intercettare e distruggere missili.

Sono partite da Sasebo, un porto nel Giappone sud-occidentale dove resta attraccato un terzo cacciatorpediniere, il Curtis Wilbur. "Direi che siamo pronti a ogni evenienza", ha affermato un portavoce della Marina Usa.

Venerdì 27 Marzo 2009

Acqua in bottiglie di plastica, tracce di ormoni

ANSA.it, http://www.ansa.it, 27/03/2009

ROMA - L'acqua minerale in bottiglia di plastica potrebbe essere contaminata da ormoni estrogeni, esponendoci costantemente a una fonte di xeno-ormoni (ormoni di origine esterna al nostro corpo) non indifferente, con potenziali conseguenze sull'organismo. Lo sostiene uno studio di Martin Wagner e Jorg Oehlmann from della Goethe University di Francoforte, pubblicato sulla rivista Environmental Science and Pollution Research.

Analizzando un campione di 20 marche di acqua minerale in vendita (8 in bottiglia di plastica, 8 in vetro, due in cartone) i ricercatori hanno scoperto che composti ormonali presenti nella plastica della bottiglia possono essere rilasciati nell'acqua.

Inoltre in un test riproduttivo fatto con le lumache terrestri si è visto che questi xeno-ormoni sono attivi e aumentano il numero di embrioni prodotti dall'animale quando la lumaca viene messa a contatto con l'acqua delle bottiglie di plastica. Gli esperti hanno trovato tracce di xeno-ormoni nel 60% del campione (12 delle 20 marche).

La minerale in vetro ha un contenuto inferiore di estrogeni che non quella in bottiglie di plastica e nel cartone: il 33% di tutta la minerale in vetro contro il 78% di quella in plastica e il 100% (tutte e due i campioni) in cartone hanno mostrato significativa attività ormonale. "Quella da noi scoperta - concludono gli autori - deve essere in realtà solo la punta di un iceberg, di certo molti altri cibi con l'imballaggio in plastica rappresentano un'enorme fonte di xeno-ormoni" che contaminano i nostri cibi.

Procreazione: mamme sempre piu'vecchie e con 3 gemelli

ANSA.it, http://www.ansa.it, 27/03/2009

ROMA - Le mamme italiane che hanno un figlio con le tecniche di fecondazione assistita sono sempre più anziane: il 25% ha più di 40 anni e la media raggiunge i 36 anni contro i tre anni in meno delle donne europee che raggiungono la maternità con le stesse tecniche. E sono molti, rispetto alla media europea i parti trigemini. E' questo il dato principale che arriva dalla relazione appena inviata al Parlamento dal sottosegretario al Welfare Eugenia Roccella sulla base dei dati dell'Istituto Superiore di Sanità. Ma sulla possibilità di modifiche della legge o delle linee guida il sottosegretario che giudica "buona" la legge, frena: la prossima settimana la Corte Costituzione una eventuale sentenza potrebbe cambiare il quadro. La prima seduta è prevista per martedì 31. Sullo sfondo un "federalismo della provetta" che impone alle coppie spese differenti a seconda della regione di appartenenza, imponendo anche viaggi interregionali per spendere meno: in Toscana sono previsti fino a tre cicli, nel Veneto si paga un ticket unico di 1000 euro, perché l'infertilità non viene considerata una malattia e quindi non è prevista nei Livelli Essenziali di Assistenza.

PIU' BAMBINI, PIU' GEMELLI. Aumenta il numero delle coppie che si sono rivolti ai centri di fecondazione assistita: da 43.024 nel 2005 a 55.437 nel 2007, mentre i nati vivi sono passati da 4.940 a 9.137. I parti gemellari in Italia si attestano intorno ai valori delle media europea (2,7%) ma per quello che riguarda i parti trigemini la superano fortemente: 3,5% contro lo 0,8% in Europa, e la forbice tra i centri è molto ampia.

CENTRI CON IL BOLLINO. L'obiettivo annunciato dal sottosegretario è quello di arrivare ad una certificazione di qualità per ogni singolo centro di procreazione assistita. Al 31 gennaio 2009 i centri iscritti al Registro Nazionale sono 341 (142 di primo livello e 199 di secondo e terzo a più alta specializzazione). Sul totale, il 45,7% (156) dei centri sono pubblici o privati convenzionati e offrono servizi a carico del SSN. I restanti 185 centri (54,3%) sono privati (nel Nord i centri pubblici o convenzionati sono circa il 60% del totale).

LE COMPLICANZE. L'iperstimolazione ovarica rappresentano lo 0.53% dei cicli iniziati, al di sotto della media europea che, secondo gli ultimi dati disponibili del Registro europeo, è pari all'1.02% dei cicli iniziati.

LE MALFORMAZIONI. La percentuale dei nati vivi con malformazione è dell'1.1%, con le tecniche di II e III livello, a fronte dello 0.5% con tecniche di I livello e dello 0.4% che si ha nella popolazione generale. La gran parte dei nati vivi con malformazione (0.8%) si ha per nati da tecniche ICSI, mentre lo 0.22% è di nati da

FIVET. MAMME SEMPRE PIU' ANZIANE. Anche nel 2007 si assiste ad un ulteriore aumento dell'età delle donne e ciò si riflette sui risultati delle tecniche stesse: passa da 35,4 anni del 2005 a 36 anni nel 2007. In Europa la media è di 33.8 anni.

LE REAZIONI. Luca Gianaroli, presidente eletto dell'Eshre, componente del comitato scientifico del Sismer e tra i massimi esperti italiani di fecondazione assistita, in un'intervista all'Agenzia Radiofonica Econews, sottolinea proprio le gravidanze trigemellari come uno dei problemi maggiori. "Ci sono solo tre paesi degli ex Balcani che hanno più gravidanze trigemine delle nostre. Sono un rischio elevato di complicanze per la madre, per i bambini stessi e un costo enorme per le strutture sanitarie che devono gestirle". Per Gianaroli si "é voluto addossare la colpa ai centri, ma la stortura è dovuta all'applicazione pedissequa della legge 40 e dall'obbligo per i centri di trasferire embrioni senza poterli conservare". L'esperto ha concluso che è grave che delle coppie siano costrette ad andare all'estero, o perché le tecniche sono vietate in Italia, o perché il rischio di complicanze è maggiore. C'é un registro europeo che sta censendo queste migrazioni: vedremo da lì di avere dati più precisi." Di tutt'altro parere Scienza e Vita: "Emergono molti elementi positivi, quali l'aumento dei cicli, delle gravidanze e dei nati vivi. Certo, resta il dato non rassicurante delle gravidanze trigemellari".

Vaticano: cristiani piu'perseguitati

ANSA.it, http://www.ansa.it, 27/03/2009

Mons. Tomasi: no a risoluzione Onu su diffamazione religioni

(ANSA) - ROMA, 27 MAR - Per il Vaticano aumenta l'intolleranza religiosa nel mondo e colpisce soprattutto le comunita' cristiane, non solo dove sono minoranza. La denuncia e' dell'osservatore permanente vaticano presso l'Ufficio Onu a Ginevra, mons.Tomasi il quale spiega anche il voto contrario di ieri del Vaticano alla risoluzione del Consiglio dell'Onu per i diritti umani sulla diffamazione delle religioni. ''Una simile norma -dice mons.Tomasi - puo' condurre a discriminazioni verso le minoranze religiose'.

Afgnanistan,Obama:altri 4 mila militari

Ultim'ora Televideo, http://www.televideo.rai.it, 27/03/2009

23.39 Il presidente Usa, Obama, ha confermato ad alcuni leader del Congresso ricevuti alla Casa Bianca, che la propria nuova strategia per affrontare la situazione in Afghanistan e in Pakistan prevede, tra l'altro, l'invio di altri 4 mila addestratori militari sullo scenario afghano.Lo ha riferito il senatore Levin. Domani dovrebbe arrivare la conferma da parte della Casa Bianca. Tale annuncio segue quello delle scorse settimane del presidente a proposito dell'invio di altri 17 mila soldati Usa di rinforzo.

Obama: al Qaida prepara nuovi attacchi contro Usa

ANSA.it, http://www.ansa.it, 27/03/2009

NEW YORK - Al Qaida e i suoi alleati progettano attacchi contro gli Stati Uniti dalla regione di confine tra Afghanistan e Pakistan, che per gli americani è diventata "la più pericolosa del mondo". Lo ha detto il presidente Usa, Barack Obama, annunciando oggi l'invio di 4.000 truppe come perno di una strategia che ha il preciso obiettivo si sconfiggere e sradicare per sempre la rete di Osama bin Laden e i suoi alleati talebani.

La strategia a tutto campo è il frutto di una revisione di due mesi ordinata subito dopo l'insediamento e segna un cambio di rotta rispetto al conflitto ereditato dall'amministrazione Bush. Prevede aiuti diretti a Islamabad per rafforzare la democrazia e prevede anche il coinvolgimento di Paesi della regione, tra cui l'Iran, "perché nessuno - ha detto - ha interesse che la regione precipiti nel caos", ma anche perché l'America non può vincere questa guerra da sola. "La situazione nella regione è sempre più pericolosa", ha detto Obama, affiancato dal segretario di stato, Hillary Clinton, e dal ministro della Difesa, Robert Gates, con in prima fila nel pubblico di dignitari della Eisenhower Room della Casa Bianca il generale David Petraeus.

Per la prima volta il presidente ha imposto sia a Islamabad che a Kabul una serie di scadenze per dimostrare progressi nella lotta ad al Qaida e ai talebani. E ha coinvolto nelle iniziative internazionali a tutto campo per portare pace, sicurezza e sviluppo nella regione un ampio spettro di nazioni, tra cui la Nato, Russia, India, Cina e Iran, nell'ambito di un nuovo Gruppo di Contatto per l'Afghanistan e il Pakistan, sotto l'egida delle Nazioni Unite. I 4.000 addestratori militari si aggiungono ai rinforzi già annunciati di 17.000 soldati che Obama ha ordinato per l'Afghanistan poco dopo l'insediamento alla Casa Bianca. Porteranno a un aumento del 60% delle spese militari rispetto all'attuale livello di circa due miliardi di dollari al mese. Ma una campagna contro l'estremismo "non si vince solo con le pallottole e le bombe", ha detto Obama, che al Pakistan ha promesso un miliardo e mezzo di dollari all'anno per cinque anni in aiuti diretti: "Serviranno a costruire scuole, strade e ospedali e a rafforzare la democrazia", ha detto Obama.

Cgil: potere acquisto fermo al '93, erosi 6.738 euro a testa

ANSA.it, http://www.ansa.it, 27/03/2009

ROMA - I salari netti sono fermi al 1993, mentre il fisco in 15 anni si è 'mangiato' guadagni di produttività per 6.738 euro per lavoratore. Viceversa, lo Stato ha beneficiato di 112 miliardi di euro tra maggiore pressione fiscale e fiscal drag. E' quanto contenuto nel IV Rapporto dell'Ires-Cgil presentato oggi alla stampa, su salari, produttività e distribuzione dei redditi.

Secondo la Cgil, se fosse stato applicato l'accordo separato sugli aspetti contrattuali del 22 gennaio scorso, dal 1993 al 2008, in aggiunta alla perdita fiscale i lavoratori avrebbero perso altri 6.587 euro di potere d'acquisto. La proposta del sindacato guidato da Guglielmo Epifani rivolta al governo è che vengano erogati 100 euro medi di aumento mensile in busta paga, aumentando le detrazioni fiscali per lavoratori dipendenti, pensionati e collaboratori. Ciò, dice la Cgil, dovrà avvenire da gennaio 2010 e dunque dovrà essere previsto nella prossima manovra economica. Sempre secondo i dati diffusi dall'istituto di ricerca della Cgil, dal 1995 al 2006 i profitti netti delle maggiori imprese industriali sono cresciuti di circa il 75% a fronte di un aumento delle retribuzioni di solo il 5%.

E ancora: in base alle dichiarazioni dei redditi presso i Caf Cgil, si ha che circa 13,6 milioni di lavoratori guadagnano meno di 1.300 euro netti al mese. Circa 6,9 milioni meno di 1.000, di cui oltre il 60% sono donne. Oltre 7,5 milioni dei pensionati prende meno di 1.000 euro netti mensili. Il reddito disponibile famigliare fra il 2000-2008 registra una perdita di circa 1.599 euro nelle famiglie di operai e 1.681 euro nelle famiglie con 'capo famiglia' impiegato a fronte di un guadagno di 9.143 euro per professionisti e imprenditori. Riguardo alla cassa integrazione, un lavoratore a 'zero ore' per un mese vede il suo stipendio abbassarsi dai 1.320 euro netti in busta paga ad appena 762 euro; una lavoratrice in Cig, sempre a zero ore, con uno stipendio mensile di 1.100 euro netti passerà a 634 euro netti. Dall'analisi dei dati Istat - sempre secondo la Cgil - emerge come le retribuzioni di fatto dal 2002 al 2008 abbiamo accumulato una perdita del potere di acquisto pari a 2.467 euro, di cui circa 1.182 di mancata restituzione del drenaggio fiscale.

INDUSTRIA: ORDINATIVI E FATTURATO MAI COSI' MALE DAL 1991

Crollo degli ordinativi dell'industria italiana a gennaio. In base ai dati resi noti dall'Istat il calo è stato del 31,3% su base annua, il dato più basso dal gennaio 1991. Rispetto a dicembre il calo è stato del 2,1%. A gennaio il fatturato dell'industria italiana è sceso del del 19,9% su base annua: si tratta di un record negativo dal 1991. Rispetto a dicembre il calo è stato del 2,1%.

AUTO: GENNAIO TONFO FATTURATI (-47,4%) E ORDINI (-35,8%) - Forte contrazione a gennaio dei fatturati e degli ordinativi di autoveicoli. Il calo è stato del 47,4% su base annua per i fatturati, dovuto a un -42,8% sulla componente nazionale e a -52,3% su quella estera. Per gli ordinativi la contrazione è stata del 35,8% su base annua (-29,3% nazionale e -43% estera).

Putin:eviteremo il disastro finanziario

Ultim'ora Televideo, http://www.televideo.rai.it, 27/03/2009

5.42 Il premier russo Putin ha assicurato che il suo governo intende fare tutto il possibile per evitare al Paese un nuovo disastro finanziario come quello del 1998. "La crisi assomiglia a un autentico cataclisma, e la Russia è dinanzi a una sfida", ha detto Putin parlando a una riunione del suo partito, Russia Unita. "Faremo tutto quello che è nelle nostre possibilità, affinché i problemi degli anni scorsi non si ripetano", ha sottolineato Putin.

Berlusconi: sinistra sa solo insultare

Ultim'ora Televideo, http://www.televideo.rai.it, 27/03/2009

19.47 "Questa sinistra è incapace di governare, è sempre divisa e sa solo insultare. Anche per questo continua a perdere ogni consultazione elettorale". Così Berlusconi in un passaggio del suo lungo intervento al congresso PdL. In Italia la sinistra è stata una sequenza di "trasformismi e camuffamenti", sostiene. E poi: "Non hanno avuto il coraggio di rinnegare il comunismo e di chiedere scusa agli italiani". Sul neo segretario, Franceschini: "Ha rinnegato il predecessore e cerca di salvare il salvabile".

Al via congresso del Pdl, Berlusconi lancia la sfida

ANSA.it, http://www.ansa.it, 27/03/2009

ROMA - Quello attuale e' ''l'unico governo possibile'', visto che la sinistra ''non cambia mai''; puntiamo al 51% dei consensi, ma il destino del Popolo delle Liberta' dipendera' dalla capacita' dell'esecutivo di dare risposte ai cittadini. Quanto all'impianto istituzionale, ''crediamo nella Costituzione, ma non fine a se stessa''. Il governo ha bisogno di ''risposte rapide'' dalle istituzioni. Silvio Berlusconi parla per 91 minuti per aprire il primo congresso del Pdl (''un sogno'', dice), ma e' nel rapporto tra governo, partito e Paese e nell'attacco alla sinistra che ''sta uscendo di scena'', il cuore del suo intervento.

Chi si aspettava fuochi d'artificio, dunque, e' rimasto deluso. Nessun guizzo, nessuno slogan ad effetto, nessun annuncio a sorpresa. Un discorso teso a sottolineare come il futuro della coalizione non dipendera' da giochi interni, ma da come il centrodestra governera' il Paese. Per il resto, a parte un quasi scontato riconoscimento al ruolo degli alleati (Gianfranco Fini e Umberto Bossi in testa) e un veemente ma altrettanto poco originale attacco alla sinistra, la relazione del leader del Pdl e' un lungo excursus dei 15 anni trascorsi dalla discesa in campo agli ultimi mesi di governo.

''Sono emozionatissimo'', esordisce il Cavaliere che sale sul palco tecnologico della nuova Fiera di Roma sulle note di 'Meno male che Silvio c'e''. Anche se senza parole, forse per non urtare la (ex) Alleanza Nazionale. Indossa la cravatta blu a pois bianchi delle grandi occasioni: la stessa fantasia del video-annuncio della discesa in campo. E come di consueto rompe il ghiaccio con una battuta: ''E' un momento intimo, siamo solo la maggioranza degli italiani''. Torna serio per affrontare il tema dei rapporti con gli alleati: ''C'e' stima e affetto'' al contrario di cio' che dicono i media. Parla del Pdl come di un ''grande sogno'', ma anche di ''una realta' gia' forte e vincente''. Ma soprattutto in crescita, visto che ''i sondaggi ci danno al 43,2% e siamo sicuri di arrivare al 51%''. Sembra guardare ai partiti 'leggeri' d'oltreoceano piu' che a quelli strutturati dell'Europa: gli elettori, ricorda, hanno deciso il nome ed esso e' una ''precisa indicazione: dobbiamo essere un popolo prima ancora che un partito''.

Con il Pdl, aggiunge, anche in Italia si realizza quella ''rivoluzione liberale, borghese, moderata e interclassista'' che si e' avuta in Francia e Gran Bretagna. Il premier ripercorre le tappe che lo hanno portato su un palco dominato da maxi-schermi: ricorda il suo invito a votare per Fini nella corsa per il Campidoglio nel lontano '93 e poi, rivolgendosi al leader di An seduto in prima fila, lo ringrazia per aver ''anteposto l'interesse del Paese a quello personale'', contribuendo cosi' a scrivere ''questa pagine di storia''. Di fatto, per aver scelto un ruolo istituzionele. Cita uno a uno tutti gli altri alleati, soffermandosi su Stefania Craxi per omaggiare l'erede di ''un carissimo amico''. L'ultimo a ricevere il riconoscimento e' Umberto Bossi, definito da Berlusconi ''leader coraggioso e lungimirante''. E' il momento dell'attacco alla sinistra: quella ''risparmiata in modo chirurgico dalla magistratura militante'', quella che ha ''pensato di diventare democratica sostituendo la parola comunisti'', quella che ''riceveva finanziamenti dall'Urss'', quella, insomma, che non ha ''mai chiesto scusa e che non e' mai mutata dai tempi di Palmiro Togliatti''. Il passo dal passato all'oggi e' breve. Ed e' il Pd a finire nel mirino: parla con delusione di Walter Veltroni e di Dario Franceschini come di uno che ''rinnega la linea per salvare il salvabile'', ritornando al passato, ''col recupero delle sinistre e del sindacato piu' estremo, la Cgil''. Cita per lunghi tratti discorsi gia' pronunciati, tanto che la platea perde l'entusiasmo iniziale. Torna a scaldare ospiti e delegati (Fini si alza in piedi) solo quando si scaglia contro ''l'oltraggio'' della sinistra verso i caduti di Nassiyria. E' il momento di ricordare le cose fatte dal governo: parla di rifiuti, Alitalia, di finanziaria triennale, di crisi, di politica estera, di Europa e di ambiente. Ed individua nel ''riformismo liberale'' la ''formula vincente''. Insomma, scandisce, ''siamo l'unico governo possibile oggi in italia''. Ma, ammonisce, il destino del Pdl ''dipende dal destino anche di chi non ha votato per noi''. Ecco perche', conclude, le istituzioni sono ''chiamate a tempi reazioni ben piu' rapidi'' di quelli attuali, visto che ''sentiamo il patriottismo della Costituzione, ma non fine a se stesso''

Cassazione, per multa non basta la foto

Ultim'ora Televideo, http://www.televideo.rai.it, 27/03/2009

20.08 Non basta la foto fatta dall'apparecchio di rilevamento della velocità posto al semaforo a rendere valida una multa per attraversamento col rosso.Deve essere presente un vigile che effettui i controlli e al quale si possa fare anche una contestazione immediata. Lo stabilisce la sentenza 7388 della II sezione civile della Cassazione. Il caso era quello di un cittadino di Modena al quale è stata annullata una multa elevata per essere passato col rosso e fotografato dall'apparecchio "Fhotored",sistema simile all'autovelox

Aids: Lancet, Papa distorce scienza

ANSA.it, http://www.ansa.it, 27/03/2009

Con possibili conseguenze devastanti per milioni di persone

(ANSA) - ROMA, 27 MAR - Una delle piu' prestigiose riviste scientifiche del mondo, l'inglese The Lancet, critica duramente le affermazioni di Papa Benedetto XVI.Il riferimento e' alle affermazioni del pontefice sull'uso del preservativo per prevenire l Aids.'Ha pubblicamente distorto - scrive Lancet- le prove scientifiche. Quando qualsiasi personaggio influente fa una falsa affermazione scientifica, con possibili conseguenze devastanti per milioni di persone, dovrebbe ritrattare''.

Brown apre ai cattolici: dopo 3 secoli riforma della legge di successione al trono britannico

Rainews24, http://www.rainews24.it, 27/03/2009

Secondo il Daily Telegraph, con questa riforma il premier Gordon Brown punta a guadagnarsi i favori dei cattolici e, perché no, preparare il terreno per un viaggio nel

Paese di Benedetto XVI. Brown sta studiando anche la possibilità di portare nella Camera dei Lord l'attuale primate dei cattolici inglese, il cardinale Murphy-O'Connor, che diventerebbe in tal modo il primo cattolico membro di questa

Camera dopo la riforma.

Brown ha avviato colloqui con Buckingham Palace per cancellare l'Act of Settlement, la legge che data ormai 308 anni, che impedisce ai membri della Famiglia Reale di sposare un cattolico. Non solo: il governo laburista vuole dare alle donne della famiglia reale uguali diritti e dunque cancellare la discriminazione attuale che da' al maschio la priorità sulla donna nella successione al trono. E secondo il Guardian, Buckingham Palace è aperto all'ipotesi. Se la linea di successione al trono venisse mutata, la principessa Anna verrebbe proiettata verso l'alto, dal decimo al quarto posto, dietro suo fratello, il principe Carlo, e i suoi due figli, William ed Harry; e con lei, subirebbero un avanzamento anche i due figli, Peter e Zara Phillips. Drastica retrocessione invece per il duca di York, e le sue figlie, le principesse Beatrice ed Eugenia.

Oggi i membri della Camera dei Comuni discuteranno il progetto di legge presentano dal liberaldemocratico Evan Harris, che propone di permettere a un membro della famiglia reale sposato con una cattolica di succedere a trono; secondo Harris, la situazione attuale è discriminatoria perché permette in linea teorica a una persona nella linea di successione di contrarre un legame di tipo civile (ma non un

matrimonio in Chiesa), con un cattolico; o di sposarsi con un musulmano o un ateo.

Brown, che non appoggia la proposta del deputato per ragioni tecniche, ha lasciato libertà di voto ai parlamentari laburisti.

La legge in vigore, approvata dal parlamento nel 1701, in un'epoca di forte tensioni religiose, stabilisce che nessunsovrano britannico "professera' la religione del papa né si sposera' con un papista". Per le modifiche, c'è bisogno del consenso di tutti e 53 i Paesi che formano il Commonwealth, tema che Brown affronterà in una prossima riunione a novembre. In tutti i 53 Paesi dovrebbero infatti introdursi analoghe modifiche legislative, il che potrebbe non essere pacifico in Paesi in cui serpeggiano forti sentimenti anti-monarchici. Fonti vicine al primo ministro hanno segnalato che i piani non modificheranno lo status sociale della Chiesa d'Inghilterra, religione ufficiale dallo scisma con Roma da parte di Enrico VIII nel 1534, e che il monarca continuera' a rimanere alla sua guida.

Durante il regno di Elisabetta II, due membri della famiglia reale britannica, il principe Michele di Kent e il conte di St Andrews hanno rinunciato ai loro diritti successori perché si sono sposati con cattolici. Al contrario, Autumn Kelly, moglie del nipote della regina, Peter Phillips ha rinunciato al cattolicesimo perché suo marito potesse conservare l'undicesimo posto nella linea di successione.

Monte Paschi:1,9 miliardi Tremonti bond

Ultim'ora Televideo, http://www.televideo.rai.it, 27/03/2009

11.30 Monte Paschi di Siena avvia "la procedura per l'emissione di 1,9 mld di obbligazioni bancarie speciali. La società intende rimborsare i bond entro il giugno 2013 utilizzando i proventi rivenienti dal processo di asset disposal avviato nel 2008". Lo ha deciso il Cda. Intanto Mps chiude l'utile netto 2008 in calo rispetto all'anno precedente: 953 mln di euro contro 1,437 mld di euro del 2007. Nella nota si legge che il Cda proporrà ai soci un dividendo di 0,013 euro per azione ordinaria, contro 0,21 euro dell'anno scorso.

Messico: Manu Chao sotto inchiesta per dichiarazioni

ANSA.it, http://www.ansa.it, 27/03/2009

CITTA' DEL MESSICO - Il cantautore francese Manu Chao è ufficialmente sotto inchiesta in Messico, per aver dichiarato in una conferenza stampa che il modo in cui le autorità locali hanno represso le proteste a San Salvador de Atenco costituisce "terrorismo di Stato". L'articolo 33 della Costituzione messicana proibisce ai cittadini stranieri esprimersi pubblicamente su questioni politiche interne del paese. Fonti della segreteria di Governo (Interni) messicana hanno indicato che sono state chieste informazioni al ministero degli Esteri e all'Istituto nazionale di migrazioni per stabilire lo statuto con cui Manu Chao si trova sul territorio nazionale. Secondo le notizie diffuse dai media locali, è stato martedì scorso a Guadalajara (ovest del paese) che Manu Chao ha rilasciato la polemica dichiarazione.

Il cantautore si riferiva ai duri scontri fra manifestanti e forze dell'ordine avvenuti nel maggio del 2006 a San Salvador de Atenco, nei dintorni della capitale messicana, dove il governo dell'allora presidente Vicente Fox voleva costruire un nuovo aeroporto. Una volta raccolta l'informazione sulle dichiarazioni di Manu Chao e stabilito il suo statuto migratorio, hanno precisato le fonti ufficiali, il governo deciderà se valuta necessario prendere misure contro il cantautore, che potrebbe perfino essere espulso dal paese.

Sabato 28 Marzo 2009

Schifani: 'Sì allo Stato laico, no all'omissione di responsabilità'

Rainews24, http://www.rainews24.it, 28/03/2009

La laicità dello Stato non si trasformi mai in omissione di responsabilità. Abbiamo colmato un vuoto normativo. Lo ha detto il presidente del Senato Renato Schifani, dal palco del Congresso del Pdl, in riferimento al testamento biologico, sottolineando che di fronte a una questione etica come questa "abbiamo lasciato libertà di coscienza".

La maggioranza del Senato - ha detto Schifani - arricchendosi anche di alcuni voti della sinistra, ha ritenuto che l'idratazione e l'alimentazione non costituiscono accanimento terapeutico. Questo è il nostro pensiero, questa la nostra scelta. Abbiamo colmato un vuoto normativo e legislativo, ma siamo intervenuti e abbiamo legiferato lasciando, credo, liberta' di coscienza.

Quagliariello: lo Stato etico c'è già

Il vero Stato etico è quello in cui con la scusa del rispetto di una legge un tribunale decide sulla vita di una persona, è l'etica di uno Stato padrone dei corpi che decide chi ha le qualità per vivere e chi no. Nel nostro partito laici e cattolici devono rispondere all'unisono parlando di liberta'. Lo ha detto Gaetano Quagliariello, vicecapogruppo Pdl al Senato, rispondendo dal palco del congresso Pdl al presidente della Camera sul bio-testamento.

Biotestamento: Alemanno, si' a ddl

ANSA.it, http://www.ansa.it, 28/03/2009

Sindaco di Roma a congresso Pdl in disaccordo con Fini

(ANSA) - ROMA, 28 MAR - Gianni Alemanno non e' d'accordo con Gianfranco Fini sul testamento biologico e dal palco del congresso del Pdl difende il ddl del governo. A Fini che ha parlato di una legge ''da Stato etico'', il sindaco di Roma replica: l'identita' del nuovo partito e' uno dei pilastri da fissare e parte della difesa del valore della vita, dal concepimento fino alla morte naturale, senza lasciare nessuno spiraglio all'eutanasia. Per questo mi ritrovo nel testo usciuto dal Senato.

Prete bruciato: migliaia a funerali

ANSA.it, http://www.ansa.it, 28/03/2009

Cardinal Tettamanzi rende omaggio a don Silvano Caccia

(ANSA) - MILANO 28 MAR - In migliaia hanno seguito a Giussano (Milano) i funerali di don Silvano Caccia, il parroco trovato bruciato nella sua auto 10 giorni fa. Il veicolo ando' a fuoco in un'area di servizio e non e chiaro se sia accaduto mentre il sacerdote dormiva o se si sia trattato di un suicidio. Quest'ultima ipotesi e' respinta dalla Curia. 'Don Silvano e' stato un prete contento di esserlo', ha sottolineato il cardinale Dionigi Tettamanzi nella sua omelia.

Usa: e' scontro tra vescovi e Obama

ANSA.it, http://www.ansa.it, 28/03/2009

Si rischia passaggio da democrazia a dispotismo, dice card. George

(ANSA) - ROMA, 28 MAR - Sono sempre piu' tesi i rapporti tra vescovi cattolici Usa e Casa Bianca, mentre si profila per luglio il primo incontro tra Obama e il Papa.Gia' feriti per il ripristino dei finanziamenti alla ricerca sulle staminali embrionali, i vescovi vanno ora in difesa dell'obiezione di coscienza per il personale sanitario sull'aborto e interventi assimilabili, che la nuova amministrazione vuole abrogare. Il cardinale di Chicago George ha parlato di pericolo che si passi ''dalla democrazia al dispotismo''.

Maradona deve ancora 37 mln a fisco

ANSA.it, http://www.ansa.it, 28/03/2009

Equitalia: sorvegliamo ogni suo movimento

(ANSA) - ROMA, 28 MAR - Diego Armando Maradona deve ancora al fisco italiano circa 37 milioni di euro. Lo ricorda in una nota l'associazione Contribuenti.it. L'associazione sottolinea che ''il fisco italiano non riesce a riscuotere da Maradona piu' dello 0,10%'' di quanto dovuto Ma da Equitalia Polis di Napoli si difendono: ''Maradona e' un 'sorvegliato speciale'. Ogni suo movimento del quale abbiamo notizia fa scattare una serie di azioni per recuperare quanto deve all'erario''.

Gelmini:finita l'oppressione culturale

Ultim'ora Televideo, http://www.televideo.rai.it, 28/03/2009

12.12 "E' finita un'epoca, è finita l'epoca dell'indottrinamento ideologico", sottolinea il ministro dell'Istruzione, Gelmini, intervenendo alla seconda giornata del congresso del PdL. E rivolgendosi a insegnanti e ragazzi dice: "L'oppressione culturale è terminata". "La scuola appartiene al Paese e agli italiani", aggiunge. Il ministro della Gioventù, Meloni: il PdL sia anche "popolo della legalità, perché noi siamo tutti figli di Paolo Borsellino". Quindi occorre anche fare "attenzione a certe candidature".

Provincia Vicenza 'paga' meccanico a polizia e Cc

ANSA.it, http://www.ansa.it, 28/03/2009

VICENZA - La Provincia di Vicenza 'paga' il meccanico a polizia e carabinieri.

Di fronte ai problemi economici delle forze dell'ordine che a volte non consentono di far riparare le auto e costringono polizia e carabinieri anche a risparmiare sulla benzina, il presidente della Provincia Attilio Schneck (Fi) ha firmato un contributo di spesa di 100 mila euro.

"Sarà il Prefetto a stabilire come andrà ripartita tale somma - spiega il presidente della Provincia sulle pagine del Giornale di Vicenza - Immagino che buona parte andrà nelle riparazioni e nell'officina".

Il prefetto aveva chiesto già da tempo - racconta Schneck - la possibilità di avere anche l'aiuto della Provincia per far fronte ai problemi economici: "Abbiamo ritenuto che tale domanda andasse soddisfatta - spiega Schnek - anche perché la richiesta di sicurezza è sempre più pressante da parte dei cittadini nel nostro territorio".

Ue,Tajani:crediamo in Europa dei valori

Ultim'ora Televideo, http://www.televideo.rai.it, 28/03/2009

14.21 "Berlusconi dal 1994,aveva come riferimento l'Europa da costruire. Non quella dei palazzi, delle banche, della moneta ma l'Europa della nostra storia, pronta a giocarsi un ruolo determinante oggi e domani".Così il vicepresidente della Commissione Ue, Tajani. Una politica che non guardi solo ad est ma anche verso sud, verso l'Africa perchè "non possiamo permettere che sia la Cina ad occuparsi dell'Africa". Per Tajani "l'Europa deve essere protagonista perchè in futuro serviranno politiche per lo sviluppo dei Paesi africani".

Biden ai dimostranti:dare chance al G20

Ultim'ora Televideo, http://www.televideo.rai.it, 28/03/2009

22.18 Bisogna "dare una possibilità" ai governanti, affinché escano dal summit del G20 di Londra con misure concrete contro la crisi economica, valide per il prossimo decennio. E' il senso del'appello lanciato dal vicepresidente americano, Joe Biden, alle decine di migliaia di dimostranti che a Londra e in altre città europee hanno manifestato contro il vertice. Biden si è rivolto ai dimostranti da Vina del Mar, in Cile, dove partecipa a una riunione dei leader progressisti.

Isole Falkland,no di Londra a Argentina

Ultim'ora Televideo, http://www.televideo.rai.it, 28/03/2009

16.33 Il futuro delle isole Falkland/Malvine, che nel 1982 furono al centro di un conflitto armato tra Argentina e Regno Unito, non è in discussione. Il primo ministro britannico, Gordon Brown, ha infatti respinto la richiesta di colloqui avanzata dalla presidente argentina Cristina Kirchner riguardanti la sovranità sull'arcipelago conteso. Kirchner aveva auspicato che il governo di Londra ottemperasse alla richiesta dell'Onu di aprire un tavolo di trattativa sull'annosa questione.

PdL,Di Pietro:fermare progetto piduista

Ultim'ora Televideo, http://www.televideo.rai.it, 28/03/2009

12.36 "Berlusconi e il Popolo della Libertà hanno le loro aspirazioni.Noi di Italia dei Valori abbiamo un impegno: impedire che nel nostro Paese si instauri il pensiero del partito unico per evitare che si porti a compimento quel progetto di rinascita piduista". Lo afferma il leader dell'IdV, Di Pietro. Berlusconi "vuole totalmente delegittimare il Parlamento togliendo anche il diritto di voto e di pensiero dei deputati" e "illude i cittadini ogni giorno con promesse nuove", ma presto "passeranno dall'illusione alla desolazione".

Pdl: Casini, con questa sinistra Berlusconi premier 100 anni

ANSA.it, http://www.ansa.it, 28/03/2009

CATANZARO - "Se noi pensiamo che questa sinistra così com'è in Italia possa fare l'alternativa a Berlusconi allora vuol dire che Berlusconi governerà i prossimi cento anni". Lo ha detto il leader dell'Udc, Pierferdinando Casini, stamani a Catanzaro, nel corso del congresso cittadino del suo partito.

"Questa è la riflessione - ha aggiunto - che facevo ieri sera dopo aver visto le immagini del congresso del Popolo delle Libertà".

"E' ormai chiaro - ha proseguito Casini - che c'é bisogno di qualcosa di diverso perché è troppo facile la rendita di posizione che Berlusconi può costruire su uno schema antitetico a lui e governato dalla sinistra che ondeggia da un delirio di autosufficienza e la raccolta dei reduci sullo stile della coalizione di Prodi. Ecco perché noi riteniamo di essere determinanti per orientare la politica italiana dei prossimi anni".

Cassazione: no a simbolo fallico con nome politici

ANSA.it, http://www.ansa.it, 28/03/2009

ROMA - Non rientra nel diritto di satira - e porta dritto alla condanna per diffamazione - affiancare il nome di personaggi politici a parti del simbolo fallico, come la sommità del pene o i testicoli. Lo sottolinea la Cassazione - con la sentenza 12987 - confermando la condanna (la cui entità non è nota) nei confronti del proprietario di un bar di Soave (Verona) che aveva attaccato alla vetrina del suo locale il disegno di un fallo con il nome del sindaco accostato alla parte superiore e quello del vicesindaco a quella inferiore.

Senza successo Vittorio F. ha sostenuto - innanzi ai supremi giudici - che il suo gesto era lecito perché rientrava "nell'ambito della satira politica e mirava alla derisione di soggetti investiti di pubblici poteri che si erano resi responsabili di malgoverno".

Piazza Cavour ha bocciato la tesi rilevando che la satira non si sottrae "al limite della continenza" e che non sono ammessi "accostamenti volgari o ripugnanti che travalicano il rispetto della persona ed espongono il soggetto passivo al dileggio della sua immagine pubblica e al discredito presso la collettività".

Nel caso in questione "l'identificazione con parti dell'organo maschile del nome del sindaco e del vicesindaco rendeva evidente l'intento di propalare un giudizio denigratorio nei confronti degli esponenti più rappresentativi dell'amministrazione comunale".

Per gli italiani il computer e' come una droga

ANSA.it, http://www.ansa.it, 28/03/2009

ROMA - Per gli italiani il computer "è come una droga". L'allerta per il nuovo fenomeno della 'dipendenza da Pc' arriva dalla presidente dell'Associazione Europea Disturbi da Attacchi di Panico (Eurodap) Paola Vinciguerra: "Uomini e donne drogati di pc - avverte l'esperta - con la convinzione di potersi allontanare dal computer in qualsiasi momento e incapaci di avere rapporti veri con le persone".

Da un sondaggio on line sul sito Eurodap (www.eurodap.it), che ha coinvolto 800 persone che posseggono un computer tra i 20 e 75 anni, rende noto Vinciguerra, "é emerso che per il 70% degli intervistati al di sotto dei 55 anni usare il Pc, al di là del lavoro, per più di 2 ore al giorno, è normale e sano. Solo il 15%, e non a caso compreso nella fascia di età più alta 55-75 anni, ne fa un uso più moderato e non considera il pc un miglioramento per i rapporti sociali".

Il rimanente 15%, prosegue l'esperta, "pur non facendone un uso eccessivo, è lontano dal chiedersi come questo nuovo fenomeno potrà incidere sulla nostra qualità di vita". "Analizzando le risposte degli intervistati - rileva Vinciguerra - si ha la sensazione di trovarsi di fronte a persone completamente dipendenti dal pc ma che non si ritengono tali, con la convinzione di poter smettere in qualsiasi momento. Chi passa ore davanti al pc, inoltre, pensa che non ci sia il pericolo della dipendenza".

Al contrario, afferma la presidente Eurodap, "l'uso del computer in maniera incontrollata è molto pericoloso e l'uso eccessivo di chat, social network, sms ed e-mail può generare comportamenti ossessivi, ansia e depressione".

« Precedente

» Notizie » 2009 » Marzo | Commenti: Scrivi

Successiva »