DEI RICCHI

2004 - Marzo - Settimana 2

« Precedente

» Notizie » 2004 » Marzo | Commenti: Scrivi

Successiva »

Indice dei giorni


11/03/2004 * 12/03/2004 * 13/03/2004 *

Giovedì 11 Marzo 2004

Attentati in Spagna. Grave il bilancio. Aznar proclama tre giorni di lutto nazionale

Rai.it, http://www.rai.it/news, 11/03/2004

Il treno sventrato dall'esplosione

Madrid, 11 marzo 2004

Tragico e ancora provvisorio il bilancio dei tre attentati che questa mattina, poco prima delle 8, hanno colpito Madrid. 62 i morti accertati ma i soccorritori parlano di oltre 131 vittime. Nessuno ha ancora rivendicato l'attentato e sugli artefici regna l'incertezza. Il governo ha indetto per domani una serie di manifestazioni nazionali mentre tutti i partiti politici hanno interrotto la campagna elettorale. Anche il presidente della regione autonoma basca, nel condonnare l'azione, ha invitato i baschi a scendere in piazza. Il premier, José Maria Aznar, ha proclamato tre giorni di lutto nazionale e ha convocato una riunione urgente del gabinetto di crisi. Subito dopo, Aznar terrà un discorso radiotelevisivo alla nazione

Le esplosioni, almeno tre, hanno colpito le stazioni ferroviarie di Atocha, Santa Eugenia ed El Pozo nelle ore di massimo affollamento, quando i pendolari arrivano nella capitale per raggiungere i posti di lavoro.

Molti sospetti si orientano verso i separatisti baschi dell'Eta ma c'è un elemento anomalo. Prima degli attentati a catena non è stata effettuata alcuna chiamata preventiva mentre l'Eta, di solito, avvisa prima di colpire.

In tutta Madrid il traffico è paralizzato e i soccorsi procedono freneticamente per prestare aiuto agli oltre 350 feriti. Le squadre di emergenza intervenute hanno già estratto dalle lamiere di alcuni dei treni colpiti diverse persone. Altre sono ancora intrappolate.

Il presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi ha inviato un messaggio di solidarietà al re di Spagna Juan Carlos. Cordoglio è giunto anche dal presidente del Consiglio Silvio Berlusocni e da altri esponenti del mondo poltico.

Il Parlamento europeo ha inziato i lavori, questa mattina, osservando un minuto di silenzio per ricordare le vittime degli attentati.

Madrid: l'ombra di Al Qaida fa crollare il dollaro

ANSA.it, http://www.ansa.it, 11/03/2004

(ANSA) -ROMA, 11 MAR- Il dollaro affonda mentre i mercati cominciano a valutare l'ipotesi che l'attentato di Madris non sia opera dell'Eta ma piuttosto di Al Qaida. L'euro e' tornato a superare 1,23 dollari per poi riscendere a 1,2232. L'ipotesi Al Qaida, lasciata intendere da un dirigente del partito radicale basco collegato all'Eta, fa ampliare in Europa i cali dei futures sugli indici Usa. I futures sullo S&P 500 cedono 8,4 punti base, quelli sul Dow Jones 83 punti base e quelli sul Nasdaq 100 scivolano di 16.

Stragi Madrid: gli attentati piu' gravi nel mondo

ANSA.it, http://www.ansa.it, 11/03/2004

ROMA - L'attentato multiplo di oggi in Spagna, con un bilancio provvisorio di 190 morti, e' il decimo attentato piu' grave per numero di morti avvenuto nel mondo negli ultimi venti anni. Eccone un breve riepilogo.

23 OTT 1983 - LIBANO: Due camion imbottiti di esplosivo e guidati da kamikaze vanno a schiantarsi contro il quartier generale dei 'Marines' americani e del contingente francese a Beirut con un bilancio, rispettivamente, di 241 e 58 morti.

23 GIU 1985 - IRLANDA: A largo delle coste irlandesi un attentato compiuto da militanti radicali sikh provoca lo schianto in mare di un Boeing 747 dell'Air India con a bordo 329 persone in volo da Montreal a Bombay. Nessun superstite.

21 DIC 1988 - SCOZIA: Un Boeing 747 della Pan Am esplode in volo sui cieli di Lockerbie, in Scozia, provocando la morte delle 250 persone a bordo e di 11 a terra. I libici si assumono la responsabilita' dell'attentato.

12 MAR 1993: tredici bombe esplodono nel centro di Bombay e in particolare nella sede della Borsa valori. I morti sono 246.

30 DIC 1996 - INDIA: Una bomba devasta un treno nello Stato indiano dell'Assam, uccidendo 300 persone. L'attentato e' attribuito ai separatisti Bodo.

7 AGO 1998 - KENYA E TANZANIA: Due attentati simultanei prendono di mira le ambasciate americane in Kenya e Tanzania con un totale di 224 morti (213 a Nairobi e 11 a Dar es-Salam).

10 AGO 2001 - ANGOLA: In Angola un attentato dei ribelli Unita contro un treno provoca 260 morti.

11 SET 2001 - USA: gli Stati Uniti sono colpiti dall'attentato piu' sanguinoso della storia con un bilancio di 3.021 morti. Diciannove pirati dell'aria dirottano quattro aerei: due vengono fatti schiantare sulle torri gemelle del World Trade Center di New York, uno sul Pentagono a Washington. Il quarto aereo precipita in Pennsylvania.

12 OTT 2002 - INDONESIA: tre esplosioni seminano morte e distruzione a Kuta Beach, nell'isola di Bali. Nell'attentato muoiono 202 persone, tra cui numerosi turisti occidentali. Tra i principali sospettati, la rete islamica Jemaah Islamiah, ritenuta legata ad al Qaida.

2 MAR 2004 - IRAQ: almeno sei esplosioni avvengono a Kerbala, dove i fedeli sciiti commemorano l'Ashura. Nell'attentato restano uccise 106 persone. Pochi minuti dopo a Baghdad, tre kamikaze entrano in azione nella moschea di Khadimija. Le esplosioni causano 65 morti.

Stragi Madrid: Acebes, trovate cassette versetti Corano

ANSA.it, http://www.ansa.it, 11/03/2004

(ANSA)-MADRID,11 MAR- Trovati, in un furgone nella citta' di Alcala' de Henares, vicino Madrid, 7 detonatori e alcune audiocassette con versetti del corano in Arabo. Lo ha detto il ministro dell'interno Angel Acebes precisando di aver quindi dato istruzioni di non escludere alcuna pista. Ha aggiunto pero' che l'orientamento principale delle indagini per le stragi di oggi resta l'Eta. Proprio da Alcala' de Henares erano partiti i treni che questa mattina sono stati devastati dalle esplosioni nelle stazioni di Madrid.

Stragi Madrid: in rivendicazione al Qaida minacce a Italia

ANSA.it, http://www.ansa.it, 11/03/2004

NEW YORK, 11 MAR - La presunta rivendicazione che riconduce ad Al Qaida le stragi di Madrid contiene minacce all' Italia e si attribuisce anche la responsabilita' dell'attacco ai carabinieri a Nassiriya, il 12 novembre scorso. E' quanto emerge da una traduzione del testo diffusa dal Cairo dall'agenzia Ap.

L'ufficio del Cairo dell'Associated Press ha ottenuto l'e-mail dal quotidiano in lingua araba Al-Quds al-Arabi e il testo e' firmato dalla 'Brigata di Abu Hafs al-Masri'. In un passaggio, rivolgendosi al primo ministro spagnolo Jose Maria Aznar, gli autori del testo chiedono: ''Aznar, dov'e' l' America? Chi vi proteggera' - Gran Bretagna, Giappone, Italia e gli altri - da noi?''. ''Quando abbiamo attaccato i militari italiani a Nassiriya - prosegue il testo - e abbiamo mandato a te (Aznar, ndr) e agli agenti dell'America un ultimatum a ritirarvi dall'alleanza anti- islamica, non avete capito il messaggio. Adesso lo abbiamo reso chiaro e speriamo che questa volta capirete''. Nella presunta rivendicazione, gli attentati di Madrid vengono indicati come opera di una ''squadra della morte'' che e' riuscita a penetrare ''uno dei pilastri dell'alleanza crociata, la Spagna''. Le stragi, affermano gli autori, ''fanno parte di un regolamento di vecchi conti con la Spagna, la crociata, e l' alleato dell'America nella guerra contro l'Islam''.

''Noi delle brigate Abu Hafs - afferma un altro passaggio della rivendicazione, che secondo l' Ap e' lunga cinque pagine - non ci sentiamo rattristati per i cosiddetti civili'', un apparente riferimento alle centinaia di morti e feriti di Madrid. ''E' ok per voi uccidere i nostri bambini, le nostre donne, anziani e giovani in Afghanistan, Iraq, Palestina e Kashmir? Ed e' vietato per noi uccidere i vostri?''. L'attendibilita' della rivendicazione e' al vaglio degli investigatori, che non si sono per il momento pronunciati.

Stragi Madrid: al Quaida, attacco a Usa pronto a 90%

ANSA.it, http://www.ansa.it, 11/03/2004

LONDRA, 11 MAR - La presunta lettera di Al Qaida che rivendica le stragi di Madrid, pubblicata dal giornale Al Quds al Arabi, afferma inoltre che un grande attacco contro gli Stati Uniti e' ''pronto al 90%''. ''Portiamo ai musulmani nel mondo la buona notizia che l'atteso attacco 'Venti della morte nera' contro l'America e' ora nella sua fase finale ... pronto al 90% e, a Dio piacendo, vicino'', afferma il messaggio. La lettera - firmata dalle Brigate Abu Hafs al Masri, asseritamente collegate ad Al Qaida - e' stata inviata a Londra al giornale Al Quds al Arabi. Una sua copia e' stata trasmessa all'agenzia Reuters a Dubai.

L'attacco sara' portato ''al momento opportuno per i mujaheddin'', aggiunge il testo, avvertendo i musulmani di ''non avvicinarsi troppo a istituzioni civili o militari dei crociati, l'America e i suoi alleati''. Il messaggio afferma d'altra parte che ''in un'altra operazione lo squadrone dei 'Jund al Quds' (i soldati di Gerusalemme, ndr) hanno colpito il tempo ebraico massonico a Istanbul, il principale tempio massonico''. ''Se tre massoni sono stati uccisi nell'operazione, cio' e' dovuto a un errore tecnico. Tutti avrebbero dovuto essere uccisi'', prosegue il messaggio. Nell'attentato di martedi' sera a Istanbul, secondo fonti ufficiali turche, sono morte due persone, un kamikaze e un cameriere di 47 anni. Del messaggio, che contiene anche minacce contro obiettivi Usa in Yemen, il direttore di Al Quds al Arabi, Abdel Bari Atwan, ha detto: ''Penso che potrebbe essere autentico''. Lo stile e la retorica - ha aggiunto, intervistato da Sky Tv - sono simili a precedenti messaggi di Al Qaida.

Venerdì 12 Marzo 2004

Dal Cnr una teoria rivoluzionaria su quasar e buchi neri

ANSA.it, http://www.ansa.it, 12/03/2004

ROMA - I buchi neri giganti del nostro universo si sono formati prima di quanto si pensi e sono gia' numerosi dopo poco tempo dal Big Bang: ben dieci volte piu' rispetto alla vecchia teoria e inoltre pare che non accennino a diminuire. E' questo il risultato degli studi condotti da Mario Vigotti, dell'Istituto di radioastronomia del Cnr di Bologna, con la collaborazione del gruppo di ricercatori europei.

'I buchi neri - spiega lo scienziato - si trovano nei nuclei di gran parte delle galassie del nostro universo, compresa la nostra. Ma per cercare i piu' massicci si devono studiare le loro manifestazioni piu' eclatanti, cioe' le quasar, sorgenti radio che in ottico sembrano stelle. E, tra queste, le piu' luminose'. Le quasar si sono formate in massa due miliardi di anni dopo il Big Bang, quindi piu' di dieci miliardi di anni fa, l'universo infatti ha circa tredici mld di anni. I dati dello studio dimostrano che prima di questo momento di grande sviluppo, questi oggetti, e soprattutto i piu' luminosi, erano molto numerosi. 'E questo e' in armonia con i tempi richiesti per la formazione dei buchi neri che alimentano le quasar - spiega ancora lo scienziato del Cnr -, non possiamo vederne molte troppo presto, perche' i buchi neri devono avere il tempo per formarsi, dopo la nascita dell'universo'.

'I nostri studi invece - continua Vigotti - partendo da un campione 'completo' di quasar molto luminoso in ottico, mostrano che dopo solo un miliardo di anni dal Big bang sono tante quante quelle che si osservano al momento del massimo sviluppo. E non dieci volte meno, come sembrava. E per di piu' non accennano a diminuire. Dalla luminosita' delle nuove quasar scoperte, quasi cento volte piu' numerose della Via Lattea - dice Vigotti, il cui studio e' stato appena pubblicato sulla rivista americana Astrophysical journal - si ricava la massa del buco nero centrale. Si ottengono buchi neri di grossa portata, tra i piu' massicci dell'universo: mostri giganti che si pensava avessero bisogno di molto tempo per formarsi. E al contrario si osservava molto presto'.

La domanda a cui ora i modelli cosmologici devono dare una risposta e' come fanno i buchi neri supermassicci a formarsi cosi' presto e a essere gia' cosi' tanti dopo poco tempo dal Big Bang.

Bomba Madrid:Bush,Aiuteremo Spagna Contro Terroristi Eta

Yahoo, http://it.news.yahoo.com/040312/203/2p64z.html, 12/03/2004

Venerdì 12 Marzo 2004, 19:23

(AGI) - Washington, 12 mar. - Intervenendo a una cerimonia di commemorazione per le vittime degli attentati dinamitardi di ieri a Madrid, George W. Bush si e' impegnato a garantire alla Spagna il pieno appoggio degli Stati Uniti contro il terrorismo, ivi compresi i separatisti baschi dell'Eta, che ha nominato espressamente. "Il popolo spagnolo", ha proclamato il presidente Usa, che aveva appena deposto una corona funebre nella residenza dell'ambasciatore di Spagna a Washington, "si ergera' incrollabile contro simili massacri, e trovera' un amico nel popolo americano. Io", ha sottolineato Bush, "apprezzo moltissimo la posizione determinata del vostro governo contro il terrorismo e contro le organizzazioni terroristiche, come l'Eta. Gli Stati Uniti sono fermamente al vostro fianco, mentre lavoriamo insieme per rendere il mondo piu' pacifico e piu' libero". Con una mossa inusuale rispetto alla sua consolidata, ieri sera il Consiglio di Sicurezza delle Naizoni Unite aveva approvato all'unanimita' una risoluzione di condanna delle stragi di Madrid, imputandole specificamente all'Eta; il Consiglio medesimo in genere evita di puntare il dito contro singoli, siano essi individui o movimenti, ma nel caso specifico ha deviato da tale linea. La relativa decisione e' stata giustificata in primo luogo dall'ambasciatore statunitense all'Onu, John Negroponte, il quale ha affermato che la Spagna (uno degli attuali dieci membri non permamenti dell'organo Onu) aveva fornito elementi sufficienti a suffragarla. Successivamente e' pero' giunta una rivendicazione degli atentati madrileni a nome di 'al-Qaeda' che, sebbene tutta da verificare, parrebbe indicare come in Consigflio di Sicurezza si sia forse corsi troppo frettlosamente in avanti. Lo stesso governo spagnolo, pur insistendo nell'accusare i secesisonisti baschi come principali indiziati, ha tuttavia ammesso come "dalle indagini non sia esclusa alcuna pista". -

Stragi Madrid: per polizia spagnola all'80% e' stata l'Eta

ANSA.it, http://www.ansa.it, 12/03/2004

(ANSA) - MADRID, 12 MAR - Per il ministero spagnolo degli Interni il responsabile delle stragi di ieri e' l'Eta all'80%, sostiene oggi il quotidiano El Mundo. Il giornale cita fonti del ministero degli Interni che non danno credibilita' alla presunta rivendicazione di al Qaida recapitata a un giornale arabo a Londra. El Mundo aggiunge che ieri notte si era diffusa la voce secondo la quale l'Eta avrebbe emesso un comunicato smentendo ogni possibile rapporto con gli attentati, il che pero' non e' avvenuto.

Madrid piange i suoi morti

ANSA.it, http://www.ansa.it, 12/03/2004

AZNAR, NON SCARTIAMO NESSUNA PISTA

STRAGI MADRID: SCATTATE MISURE SICUREZZA IN TUTTA ITALIA

STRAGI MADRID: AZNAR; PENSARE A ETA, MA TUTTO APERTO

STRAGI MADRID: ORA PER LE OLIMPIADI E' INCUBO ATTENTATO

STRAGI MADRID: LA TRAGEDIA IN PRIME PAGINE GIORNALI EUROPEI

STRAGI MADRID: CAPITALI EUROPEE IN LUTTO, BANDIERE A MEZZ'ASTA

STRAGI MADRID: ISRAELE NON ESCLUDE COOPERAZIONE AL QAIDA-ETA

STRAGI MADRID: RIVENDICAZIONE AL QAIDA, SCETTICISMO USA

STRAGI MADRID: RE JUAN CARLOS, 'FOLLIA MACABRA E BARBARA'

STRAGI MADRID: USA, INDAGINI SU RIVENDICAZIONI AL QAIDA

STRAGI MADRID: AL QAIDA, LE BRIGATE ABU HAFS AL MASRI

STRAGI MADRID: AL QUAIDA, ATTACCO A USA PRONTO A 90%

STRAGI MADRID: ALLERTA ANCHE IN ITALIA

STRAGI MADRID: IN RIVENDICAZIONE AL QAIDA MINACCE A ITALIA

STRAGI MADRID: ETA, DA 34 IN GUERRA CONTRO LA SPAGNA

STRAGI MADRID: UN CORO DI SDEGNO E DOLORE DAL MONDO

STRAGI MADRID: USA/ONU, SGOMENTO E SOLIDARIETA'

STRAGI MADRID: LE CIFRE DELLA TRAGEDIA

STRAGI MADRID: GB,ESPERTI DIVISI EVOCANO ETA O AL QAIDA

STRAGI MADRID: BATASUNA, ATTENTATI NON OPERA DELL' ETA

STRAGI MADRID: RAPPORTO EUROPOL AVEVA LANCIATO ALLARME

--------------------------------------------------------------------------------

MADRID - Giornata di lutto oggi per la Spagna dopo gli attentati di ieri a Madrid che hanno scosso il paese e il mondo intero, a due giorni dalle elezioni di domenica, con il loro bilancio di 198 morti e oltre 1.400 feriti (15 in fin di vita, 45 gravissimi) dopo le dieci esplosioni in tre treni di pendolari nelle stazioni di Atocha, El Pozo e Santa Eugenia.

I resti delle vittime si trovano nella grande fiera campionaria della citta', dove e' stata allestita la camera ardente.

Tra i morti ci sono cittadini di 11 paesi, nessuno e' italiano.

Sul fronte delle indagini il premier spagnolo Jose' Maria Aznar ha assicurato che 'nessuna pista di indagine sara' scartata'. Riferendosi al gruppo separatista basco Eta il premier spagnolo ha tuttavia ribadito che oltre all'organizzazione separatista basca le indagini puntano anche sul terrorismo islamico. 'Gli spagnoli sapranno tutto, puniremo gli assassini', ha promesso.

Intanto si è saputo che un altro ordigno (uno zaino-bomba) preparato per esplodere nei treni di Madrid e' stato trovato la notte scorsa dalla polizia e fatto brillare dagli artificieri.

Le modalita' degli attentati di Madrid hanno caratteristiche tipiche di Al Qaida, secondo fonti della sicurezza di Israele citate dalla radio militare. Secondo queste fonti, non e' escluso che i baschi dell'Eta abbiano contribuito alle stragi assicurando da parte loro un appoggio di carattere logistico.

I sospetti principali rimangono appuntati sulla matrice basca, cioe' sul gruppo terroristico Eta.

Ma sin da ieri sera una crescente attenzione e' stata data alla pista di Al Qaida, soprattutto dopo il discorso in tv del ministro degli interni Angel Acebes, il quale ha detto che in un furgone ritrovato ad Alcala' de Henares, nei dintorni della capitale, sono stati trovati sette detonatori e un nastro con versetti del Corano in arabo.

Sempre ieri sera, il quotidiano londinese in lingua araba Al Quds Al Arabi ha detto che una presunta lettera di Al Qaida da esso reperita al Cairo e firmata dalla Brigata Abu Hafs Al Nasri, rivendica la responsabilita' delle stragi di Madrid definendole attacchi contro i 'crociati' e chiamandole 'Operazione treni della morte'. 'Siamo riusciti a infiltrarci nel cuore dell'Europa crociata e abbiamo colpito una dell'alleanza dei crociati'.

La presunta rivendicazione di Al Qaida contiene minacce anche all'Italia e si attribuisce pure la responsabilita' dell'attacco ai carabinieri a Nassiriya, il 12 novembre scorso. Nel testo c'e' anche scritto che un grande attacco contro gli Stati Uniti e' pronto al 90 per cento.

Questa sera tutta la Spagna scendera' in piazza in decine di manifestazioni contro il terrorismo e le sue vittime. A Madrid sfileranno il premier Jose Maria Aznar, il suo compagno di partito e candidato premier Mariano Rajoy e il leader dei socialisti del Psoe Jose Luis Zapatero. Da Bruxelles, per la Ue, giungera' il presidente della Commissione Romano Prodi. Anche il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi partecipera' alla manifestazione contro il terrorismo.

STRAGI MADRID: LA CRONACA DELLA GIORNATA

AZNAR: NESSUN NEGOZIATO, SCONFIGGEREMO GLI ASSASSINI

GLI ATTENTATI PIU' GRAVI NEL MONDO

MINISTRO INTERNI: E' STATA L'ETA, USATE 13 BOMBE

IL CORDOGLIO DEL PAPA, LO SDEGNO DELL'EUROPA

LE IMMAGINI DI MADRID RICORDANO L'ITALICUS E BOLOGNA

LE PRECEDENTI STRAGI IN METROPOLITANE E TRENI

DISPERAZIONE E RABBIA ALLA SCUOLA SPAGNOLA A ROMA

Stragi Madrid: Cia, eta mai fatto niente del genere

ANSA.it, http://www.ansa.it, 12/03/2004

NEW YORK - Per la Cia, l'agenzia d'intelligence degli Stati Uniti, e' ancora presto per trarre conclusioni su chi sia responsabile delle stragi di Madrid, ma un portavoce ha sottolineato come in passato i terroristi baschi dell'Eta non abbiano mai compiuto gesti di questa portata. ''Questo e' un attacco su una scala assai piu' ampia di quello che l'Eta ha fatto in precedenza'', ha detto a Usa Today il portavoce della Cia, Mike Mansfield. L'intelligence americana continua a seguire con grande attenzione le indagini in Spagna e a valutare con un certo scetticismo la rivendicazione che sembra ricondurre il gesto ad Al Qaida. La pista del terrorismo islamico e quella dell'Eta per il momento vengono ritenute dagli esperti Usa allo stesso livello di credibilita'. L'Fbi sta valutando la partecipazione alle indagini, anche se non risultano vittime americane (quattro cittadini degli Usa figurano tra i feriti). (ANSA)

Stragi Madrid: Eta nega responsabilita'

ANSA.it, http://www.ansa.it, 12/03/2004

(ANSA)-MADRID, 12 MAR- L'organizzazione indipendentista basca Eta ha negato ogni responsabilita' nella strage di Madrid con una telefonata al giornale basco "Gara". La comunicazione e' arrivata alle 18. Lo rende noto lo stesso giornale nella sua edizione online.

Stragi Madrid: Pisanu, indicazioni fanno pensare all'Eta

ANSA.it, http://www.ansa.it, 12/03/2004

(ANSA) - ROMA, 12 MAR - Per le stragi di Madrid, il ministro Pisanu dice che 'tutte le indicazioni tecniche fanno pensare all'Eta' quale principale artefice'. A proposito, invece, della rivendicazione attribuita ad Al Qaida nella quale si fa riferimento alla strage di Nassiryia e vengono lanciate minacce all' Italia, il ministro dell'Interno ha detto: 'Quella organizzazione aveva anche rivendicato altri attentati e la rivendicazione poi e' risultata infondata'.

Stragi Madrid: manifestanti, non ci importa chi e' stato

ANSA.it, http://www.ansa.it, 12/03/2004

(ANSA) - MADRID, 12 MAR - "Non ci interessa se gli attentati sono stati compiuti dall'Eta o da Al Qaida, siamo stati colpiti al cuore da un atto barbaro"."A tutto questo tutta la Spagna,tutto il mondo deve urlare no e no". E' il grido di alcuni manifestanti radunati nella Plaza Colon,nel centro di Madrid, per partecipare al corteo contro le stragi di ieri. In prima fila alla manifestazione ci sono il principe ereditario Felipe e le infante Elena e Cristina a fianco del capo del governo Jose' Maria Aznar.

Madrid: Palacio ad ambasciatori, dite che e' stata l'Eta

ANSA.it, http://www.ansa.it, 12/03/2004

(ANSA) - MADRID, 12 MAR - Dite che e' stata l'Eta: questo il messaggio del ministro degli esteri Ana Palacio a tutto il personale diplomatico nel mondo. Lo ha rivelato l'agenzia Europa Press, che dice di avere avuto accesso al documento. "Tenendo in conto gli sforzi fatti da alcune forze politiche per cercare di seminare la confusione in quanto alla responsabilita' sugli attentati", scrive Palacio, e' necessario che gli ambasciatori ricordino le dichiarazioni del ministro Angel Acebes, che accusano l'Eta.

Sabato 13 Marzo 2004

Stragi Madrid: Acebes, nessun indizio attentato suicida

ANSA.it, http://www.ansa.it, 13/03/2004

(ANSA) - ROMA, 13 MAR - 'Non e' stato raccolto alcun indizio che faccia pensare ad un attentato suicida': lo ha detto il ministro spagnolo dell'interno Angel Acebes. Il ministro ha aggiunto che 'nessuno si deve stupire che l'Eta sia una priorita' nelle nostre inchieste'. Per Acebes nelle indagini 'non ci sono nuovi dati su Al Qaida' e comunque 'non si puo' scartare che le organizzazioni terroristiche, di qualsiasi tipo esse siano, abbiano connessioni, accordi, o che si aiutino'.

« Precedente

» Notizie » 2004 » Marzo | Commenti: Scrivi

Successiva »