DEI RICCHI

Gli Zeloti alla guida dei rivoltosi

 

Come risposero i Romani al malcontento ebraico nel I secolo d.C.?

Giuseppe Flavio sembra quindi attribuire alle idee di questi ribelli "banditi" il ruolo di miccia che infiammò le sorti della Giudea fino a condurla alla completa distruzione ad opera dei Romani. La loro "filosofia" viene così descritta:

Questa scuola concorda con tutte le opinioni dei farisei eccetto nel fatto che costoro hanno un ardentissimo amore per la libertà, convinti come sono che solo Dio è loro guida e padrone. Ad essi poco importa affrontare forme di morte non comuni, permettere che la vendetta si scagli contro parenti e amici, purché possano evitare di chiamare un uomo "padrone". Ma la maggioranza del popolo ha visto la tenacia della loro risoluzione in tali circostanze che posso procedere oltre la narrazione. Perché non ho timore che qualsiasi cosa riferisca a loro riguardo sia considerata incredibile. Il pericolo, anzi, sta piuttosto nel fatto che la mia esposizione possa minimizzare l'indifferenza con la quale accettano la lacerante sofferenza delle pene. 1

[Il resto del documento è leggibile nel libro pubblicato]