DEI RICCHI

I genitori di Gesù nelle monete di Agrippa II

 

19/09/2015

 

Storia insegnata

Nell'anno 79/80 la regina Berenice avrebbe cercato di sposare il nuovo imperatore, Tito figlio di Vespasiano, che però non accettò per non creare malumori tra l’opinione pubblica.

 

Storia riscoperta

Nell'anno 69/70 la regina Berenice andò in sposa al nuovo imperatore, Vespasiano.

 

Ritorniamo alla vera Berenice di cui abbiamo ammirato l’effigie in una moneta coniata quando sposò Gaio Cesare nel 37 {2589}. La stessa immagine fa presagire che la sua data di nascita vada anticipata rispetto a quella desumibile dai racconti di Giuseppe Flavio[1], altrimenti avrebbe avuto forse solo 10 anni quando sposò l'imperatore.

In ogni caso questa non fu l’unica immagine di lei rappresentata come regina, ma ad essa se ne aggiunge una che Maltiel-Gerstenfeld riconosce in un’altra coniata da suo fratello.

 

Figura 5 Berenice viene nuovamente chiamata “augusta” in una moneta coniata da Agrippa II[2]

In questa moneta gli studiosi leggono l’anno 19 del regno di Agrippa II. E qui ovviamente si innesta la diatriba su quale sia la datazione esatta delle monete di questo re.

Siccome Tito, come sappiamo dalla storia insegnata, non sposò mai Berenice, che tra l’altro all’epoca aveva 53 anni mentre lui ne aveva 40, quando nel 79 divenne imperatore questa moneta non poteva essere stata coniata.

Mentre invece la moneta ha più senso se l’anno 19 viene conteggiato dall’anno 50, come abbiamo fatto noi, che corrisponde quindi all’anno 69 quando Vespasiano venne proclamato imperatore e Berenice, sua moglie, poteva dirsi nuovamente “augusta” dopo esserlo stata quand’era moglie di Gaio Cesare.

Ora che abbiamo chiarito anche questi, importanti, dettagli, e dopo aver esposta l’effigie della madre di Gesù, ovvero Berenice, come si desume dalle sue monete, possiamo aggiungere anche quella del padre Agrippa II.

 

Figura 6 L’effigie di Agrippa II che si intravede su una sua moneta[3]

 



[2] [Jewish Coins] pag. 163.

[3] [Jewish Coins] pag. 158.