DEI RICCHI

Gli spostamenti cronologici confermati dalle discrasie delle fonti

 

Un altro elemento che conferma la nostra posticipazione degli avvenimenti cristiani ci è suggerito dal tributo che Gesù/Pietro deve pagare a Cesare. Noi sappiamo che i Giudei, una volta condotti ad occupare la Palestina, erano stati esentati da Germanico dal pagamento di qualsiasi tassa {P|1551|SSV}. Fu invece Vespasiano a introdurla quando salì al potere e per questo aveva ridotto in povertà la Giudea. Chiaro quindi che la questione posta a Gesù non poteva che essere legata a quest’ultimo pagamento e quindi ad un periodo storico impossibile ai tempi successivi a Germanico - ovvero prima dell’anno in cui la Chiesa farebbe morire Gesù, all’incirca nel 33 d.C. - a reale dopo quelli di Vespasiano in cui noi abbiamo collocato le vicende cristiane. 1 2

[Il resto del documento è leggibile nel libro pubblicato]