DEI RICCHI

Il ‘falso Nerone’

 

[1]Ovviamente, conoscendo la vera storia di Giuda, ho sorvolato sul suo Vangelo continuando nel frattempo invece a scoprire qualche altra notizia sulla “bestia che sale dalla terra”. Mi pareva infatti impossibile che le sue gesta fossero andate cancellate dalla storia, mentre più plausibile era il fatto che fossero state nascoste in testi criptici come l’Apocalisse. Ebbi così la fortuna di imbattermi nei Libri sibillini,[2] una raccolta di storie scritte in linguaggio a volte oscuro, a volte piuttosto intelleggibile, come anche i commenti degli studiosi lasciavano intravedere. Era in questi libri che infatti si “celebrava” con tinte fosche l’arrivo del “falso Nerone”, seppure senza chiamarlo con questo nome ma utilizzando spesso degli attributi facilmente riferibili all’omonimo imperatore romano. Figura che poi anche le testimonianze degli storici dell’epoca aiutavano a rintracciare e collocare temporalmente.[3]

[Il resto del documento è leggibile nel libro pubblicato]