DEI RICCHI

Burro e Seneca (*)

 

E 08/08/2009.

Abbiamo già letto che dalle cronache ufficiali vi sono almeno i nomi di Gneo Domizio Enobarbo e Tigellino a personificare il nostro Giuseppe Flavio. Se il primo era il padre di “Nerone”, il secondo era una sua spalla in quanto prefetto dei Pretoriani. Perciò i falsari nascosero Giuseppe/Agrippa II non solo in figure legate da parentela a Nerone, ma anche in altre che però gli erano molto vicine come importanti ausili nella gestione del potere. Perché allora non sindacare su chi fu nominato tutore del “falso Nerone”, quanto Giuseppe lo fu di Gesù?

[Il resto del documento è leggibile nel libro pubblicato]