DEI RICCHI

Il testo delle Toledot Jeshu. Prima parte

 

In quale anno nacque Gesù secondo le Toledot?

(Per la bibliografia si legga la pagina precedente) Nell’anno 3651 (verso il 90 a.C.), nei giorni del re Jannaeus, una grande sventura si abbattè su Israele. Apparve un uomo dalla dubbia reputazione della tribù di Giuda, il cui nome era Giuseppe Panthera. Viveva a Betlemme di Giuda e vicino alla sua casa abitavano una vedova e la sua incantevole figlia ancora vergine, Miriam. Miriam era fidanzata a Yochahan della casa reale di Davide, un uomo sapiente nella Torah e timorato di Dio. Alla fine di un sabato, Giuseppe Panthera, attraente e dall'aspetto di un guerriero, guardò Miriam in modo lascivo, poi bussò alla porta della sua stanza e la ingannò affermando di essere il suo promesso sposo, Yochahan. Anche così, lei si meravigliò del suo comportamento sconveniente e cedette solo contro il proprio volere. In seguito, quando Yochahan andò a trovarla, Miriam espresse il proprio stupore per il comportamento tenuto da costui, così estraneo al suo carattere. In questo modo entrambi vennero a conoscenza del delitto compiuto da Giuseppe Panthera e del terribile errore di Miriam. Allora Yochahan andò da rabbi Simeon ben Shetah e gli raccontò di quella seduzione dalle conseguenze tragiche. Dato che non vi erano i testimoni necessari per incriminare Panthera e che Miriam era incinta, Yochahan partì per Babilonia. Miriam diede alla luce un figlio e lo chiamò Jeoshua, come suo fratello. Questo nome fu abbreviato in senso peggiorativo in Jeshu. Nell'ottavo giorno venne circonciso. Quando fu abbastanza cresciuto, Miriam lo portò alla scuola per essere istruito nella tradizione ebraica. Un giorno Jeshu comparve di fronte ai Saggi a capo scoperto, mostrando una mancanza di rispetto degna di biasimo. Sorse una discussione sul suo comportamento, se esso non rivelasse che Jeshu era un illegittimo, il figlio dell'impurità. <font color=‘brown’>Inoltre, la storia dice che mentre i maestri stavano discutendo il trattato Nezikin, Jeshu propose impudentemente la sua propria interpretazione della legge e nel dibattito che ne seguì, affermò che Mosè non poteva essere il più grande dei profeti, poiché aveva dovuto ottenere consiglio da Jethro.</font> Venne così scoperto, <font color=‘brown’>tramite Shimeon ben Shetah,</font> che era il figlio illegittimo di Giuseppe Panthera e Miriam lo ammise. Quando fu reso noto, Jeshu scappò in Galilea.

[Il resto del documento è leggibile nel libro pubblicato]